Mattia Camboni: è bello abituarsi ai sogni!

Vela olimpica, dalle tavole azzurre una ventata di belle sensazioni

Responsabilità editoriale Saily.it

VIDEO - MATTIA E MARTA VINCONO LE MEDAL, GIORGIA E' TERZA, GRANDE ITALIA - Finale tutto azzurro al Mondiale del windsurf olimpico RS:X: l’Italia vince entrambe le Medal Race! RS:X Maschile: Mattia Camboni trionfa nella Medal e conquista l’argento iridato nello stesso anno dell’argento europeo. RS:X Femminile: Marta Maggetti prima e Giorgia Speciale terza nella Medal. Confermano rispettivamente il 6° e 10° posto finale al Mondiale - LE DICHIARAZIONI A CALDO

 

Un podio storico, lo ricorda Chicco Dell'Isca: "Mai nessun italiano sul podio a un mondiale RS:X". Abbiamo aspettato proprio l'ultimo: come ha ricordato la stessa associazione di classe, questo di Cadice è stato l'ultimo campionato del mondo, la classe senza più status olimpico andrà a scomparire, inutile sperare in un clamoroso ritorno come sta accadendo al caso Windsurfer in boom di popolaritò. RS:X è stata una tavola creata per le Olimpiadi e ora cede il passo all'IQFoil, tavoletta volante segno dei tempi, vedremo quanto durerà. Ultimo o meno, è stato mondiale vero a Cadice, pure troppo: ventone, ondone, schiaffi della natura, dominio di atleti alti e forti, addio finezza, contava la padronanza nelle condizioni estreme. 

Mattia Camboni non è solo il primo azzurro sul podio di un Mondiale RS:X, è anche un atleta che vince due argenti (Europeo e Mondiale) nell'anno olimpico, entrambi alle spalle dello stesso atleta, il superman olandese Kiran Badloe. Un segnale inequivocabile, che puo' dare anche qualche vertigine. A esorcizzare questo rischio, molto italico, per fortuna c'è lo stesso Mattia: unico, bellissimo, visto crescere da bambino e rimasto com'era, vince meravigliandosi ogni volta e parlando di sogni e gratitudine, con l'occhietto a metà tra l'incredulo e il furbetto. Però guardate meglio, guardate il Mattia sulle onde. Altro che incredulo: è una macchina da guerra.

Marta Maggetti è di una solidità spaventosa: forse neanche Alessandra Sensini, che pure ha vinto come nessuna, puo' raccontare tre mondiali di fila conclusi così: 5-5-6. Fate come volete, ma lei c'è, sta lassù, non la fate scendere. Anche Giorgia, che è sempre Giorgia, nelle migliori dieci surfiste del mondo. Ma a lei non basta (lo dichiara), proprio perchè è Giorgia. La classe RS:X femminile era l'ultima delle sei qualificate per Tokyo per la quale la FIV deve annunciare la scelta olimpica. Il compito sarà assolto dal Consiglio Federale di venerdi 30, ed è facile immaginarne l'esito. Ci torneremo. Perchè, Covid o no, Enoshima si avvicina dannatamente...

(Federvela) Una chiusura tutta azzurra al Mondiale del windsurf olimpico RS:X maschile e femminile a Cadice (Spagna): nel giorno conclusivo e decisivo, con vento medio forte e sul campo di regata interno al golfo senza onda, le due Medal Race delle categorie maschile e femminile hanno visto tagliare la linea del traguardo alle tavole con il tricolore, grazie Mattia Camboni e Marta Maggetti, a cui va aggiunto il terzo posto nella Medal femminile dell’altra azzurra Giorgia Speciale.

RS:X MASCHILE – Mattia Camboni (Fiamme Azzurre) ha coronato dominando la Medal Race un Mondiale intenso e da grande atleta. Iniziato in salita con una prova decisamente fuori dai suoi valori, ha poi messo insieme tutti piazzamenti di vertice compreso un primo di manche (21-6-1-2-4-6-4-11-10-2*), il tutto in condizioni meteo non ideali per lui, con vento sempre molto forte e mare mosso.

Mattia partiva da terzo nella Medal con 4 punti da recuperare sul secondo e altrettanti di vantaggio su due temibili avversari. Ha spazzato via ogni dubbio partendo bene e vincendo con distacco e superando il greco Byron Kokkalanis sul secondo gradino del podio. L’argento Mondiale si aggiunge all’argento Europeo conquistato solo due mesi fa, in entrambi i casi alle spalle del fuoriclasse olandese Kiran Badloe, e conferma Mattia come uno dei migliori atleti anche in vista della competizione olimpica di Enoshima ai prossimi Giochi di Tokyo.

RS:X FEMMINILE – Le surfiste italiane sfiorano la doppietta nella Medal Race: grande vittoria per Marta Maggetti (Fiamme Gialle), davanti all’inglese Emma Wilson e all’altra azzurra Giorgia Speciale (CC Aniene). Proprio il secondo posto della Wilson ha impedito a Marta di recuperare un posto nella classifica finale: la cagliaritana chiude il Mondiale con un sontuoso 6° posto (19-12-8-5-7-5-7-3-6-2*), confermandosi come una delle atlete più solide della categoria, capace di piazzarsi due volte quinta e una volta sesta agli ultimi tre appuntamenti iridati del windsurf olimpico.

Giorgia Speciale (14-16-9-8-6-11-9-9-14-6*), tra le più giovani della flotta, da poco passata alla classe maggiore dopo stagioni trionfali nelle categorie giovanili, a sua volta torna nella top-10 mondiale confermandosi atleta fortissima e di carattere, anche lei ha dato battaglia in condizioni meteo che certo non l’hanno favorita.

Si conferma la doppietta iridata olandese con il titolo femminile che resta a Lilian De Geus, argento alla israeliana Katy Spychakov e bronzo alla francese oro olimpico di Rio 2016 Charline Picon.

*2 indica la vittoria e 6 il terzo posto nella Medal Race che come noto è a punteggio doppio, mentre nelle altre prove il piazzamento coincide con i punti assegnati)

CLASSIFICHE COMPLETE - https://regatas.fav.es/en/default/races/race-resultsall/text/2021-gotas-de-oro-rsx-windsurfing-world-championships-including-the-2021-puerto-sherry-rsx-u21-windsurfing-championships-2021-es/menuaction/race-toa

DICHIARAZIONI

RICCARDO BELLI DELL’ISCA (TECNICO RS:X MASCHILE): “Sono molto contento e soddisfatto, è stata una bellissima settimana nella quale Mattia ha regatato benissimo. E’ un risultato storico perché mai un italiano era arrivato sul podio di un Mondiale nella classe RS:X. Sono soddisfatto dal punto di vista tecnico perché dopo l’argento Europeo in condizioni di vento leggero dove Mattia si sente più confidente, abbiamo fatto un grosso lavoro per chiudere il gap con gli altri della flotta con vento planante, e così è successo questa settimana. Le modifiche fatte funzionano.”

MATTIA CAMBONI (FIAMME AZZURRE): “Sono sceso in acqua determinato e non ho pensato ad altro che a vincere la Medal. Questa seconda medaglia in tre mesi mi da una grande gioia, ripaga di tutti i sacrifici fatti in questi mesi difficili, con poche occasioni di confrontarsi con gli avversari. Come ho detto ieri è un altro sogno che si realizza, è bello abituarsi ai sogni, non voglio smettere!”

GIORGIA SPECIALE (CC ANIENE): “E’ stato un mondiale in salita sin dall’inizio, ho provato a riscattarmi, ma purtroppo è uscito come risultato solamente un decimo posto. Sicuro le condizioni non erano le mie preferite ma… Va bene così. Ci tengo a ringraziare la Federazione Italiana Vela per esserci stata vicina tantissimo in questo periodo, e fare tantissimi complimenti a Mattia per il suo argento!”

Responsabilità editoriale di Saily.it