Addio Norberto Foletti, il Cavaliere della vela

Vela in lutto per la scomparsa di un grande interprete

Responsabilità editoriale Saily.it

UN MINUTO DI SILENZIO NELLE REGATE GIOVANILI DEL WEEKEND – Segretario della Classe italiana Optimist con una storia di successi sportivi e organizzativi incredibile. Maestro d’ascia, regatante, dirigente sportivo, presidente di Zona FIV, visionario, innovatore, battagliero, sempre vicino ai suoi giovani, la nomina a Cavaliere è stata un suggello alla sua vita per la vela. Tra un mese il Mondiale Optimist nella sua Riva del Garda, l’ultimo successo. Il cordoglio del presidente FIV Francesco Ettorre. Funerali sabato mattina

 

Se ne va un altro grande protagonista del mondo della vela. Restiamo più poveri, anche se ricchi di quella che giustamente il presidente Ettorre chiama eredità. Quello che lascia Norberto Foletti è una lunga scia di risultati che sono il frutto di impegno, idee, convinzione, cuore perennemente oltre l'ostacolo, anzi a capofitto nel futuro.

Un vechietto giovanissimo, visionario, capace di ispirare piccoli bambini con salvagente a diventare atleti, convincere presidenti di circolo a unire le forze per progetti più grandi, sbaragliare cordate geopolitiche per portare in Italia grandi eventi velici. E nel frattempo curare con le sue mani da maestro la rinascita di una barca simbolo, il Manuela VII, 5.5 metri S.I. appartenuta a Beppe Croce. Un optimista per forza, per natura, per elezione. 

A proposito di elezioni, tra pochi giorni a Torbole, durante l'Optimist d'Argento, si svolgerà l'assemblea AICO, la classe Optimist italiana che Foletti ha guidato per trent'anni. Per Norberto era pronta una carica onoraria. La riceverà comunque, la sentirà. Come ha sentito la vicinanza della sua bella famiglia, dei collaboratori, dei tanti che in questi giorni si sono succeduti a tifare per lui, per un'altra vittoria che stavolta non è arrivata.

Il Cavaliere Norberto Foletti, 85 anni compiuti il 25 maggio scorso, si è spento questa mattina nella sua casa a Riva del Garda, con al fianco la moglie Lisetta, i familiari e gli amici più stretti. Anche la sua tempra di marinaio, che aveva superato nel tempo qualche malanno, si è arresa alla debilitazione seguita a un recente intervento al cuore.

La vela internazionale perde un punto di riferimento: Norberto era infatti il segretario dell’Associazione Italiana Classe Optimist (AICO), la popolare piccola deriva quadrata per i velisti più giovani, numericamente la più importante all’interno della IODA, la classe internazionale (International Optimist Dinghy Association), a sua volta la più numerosa al mondo. Nel 1995 aveva ricevuto l’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana per i suoi innumerevoli risultati.

Il presidente FIV Francesco Ettorre, a Riva del Garda in questi giorni, ha espresso il cordoglio di tutta la Federazione: “La vela è una grande famiglia per la quale Norberto ha fatto tanto, con ruoli diversi ma sempre con grande capacità e visione, con personalità e umanità, e per questo è stato un trascinatore. Il suo lavoro sui giovani resterà una eredità da onorare e coltivare nel tempo. A nome mio e di tutta la Federazione rivolgo le condoglianze alla moglie, ai figli e ai tanti amici che sicuramente lo ricorderanno con affetto.”

UN MINUTO DI SILENZIO NELLE REGATE GIOVANILI DEL WEEKEND – Su indicazione della FIV, in ricordo di Norberto Foletti sarà osservato un minuto di silenzio in tutte le regate dell’attività giovanile che si disputeranno nel weekend in Italia.

La storia di Norberto Foletti è stata sempre legata alla vela, partendo dal suo lago di Garda ha girato il mondo lasciando il segno. Maestro d’ascia, ha avuto un cantiere che ha costruito e restaurato centinaia di barche di legno, capolavoro finale il recupero del 5.5 metri Stazza Internazionale Manuela VII, l’ultima barca di Beppe Croce. Ha regatato su classi importanti come Star, Iole, Snipe, classi metriche, vincendo molto e nutrendo la sua passione e competenza per la vela.

Una passione che lo ha portato a diventare allenatore di giovani della Fraglia Vela Riva, iniziando a frequentare proprio il mondo Optimist. Norberto Foletti non era tipo da stare fermo. Consigliere e poi direttore sportivo della Fraglia Vela Riva, presidente della XIV Zona (Trentino Alto Adige e Lago di Garda) della Federazione Italiana Vela per due mandati dal 1996 al 2004. Si distingue per le idee visionarie: è il primo a dare vita a un consorzio tra circoli velici finalizzato alla promozione giovanile, è tra gli ideatori del Meeting di Pasqua Optimist, che oggi è nel Guinness dei primati come la regata più numerosa al mondo per una singola classe.

Sempre a fine anni ‘90 inizia l’avventura da segretario della classe Optimist italiana. Un percorso costellato di successi, sia sportivi che organizzativi. Tanti titoli europei, mondiali e a squadre vinti dagli azzurrini dell’Optimist, tanti campioni nati su quella barca e diventati grandi velisti fino alle Olimpiadi. Con una progressione clamorosa proprio negli ultimi anni: Foletti è il segretario della classe Optimist capace di vincere tre titoli mondiali di seguito con Marco Gradoni, nominato velista mondiale dell’anno da World Sailing, oltre ad altri europei.

Il gran finale, nel quale anche il suo corpo si è adagiato, è stato il ritorno del Mondiale Optimist in Italia, a casa sua a Riva del Garda, appuntamento che inizierà tra circa due settimane e che sarà certamente tutto dedicato a lui, che nella classe internazionale IODA era il riferimento per tutti.

L’AICO ha scritto oggi: “Il nostro Norberto ci ha lasciato, ha lottato come un guerriero in questi mesi, non ha mai smesso di chiedere e di tifare per i suoi ragazzi. Ha cresciuto generazioni intere di giovani velisti con una passione fuori dal comune. Ha portato la classe Italiana ai vertici mondiali per anni. Ha tracciato una strada indelebile da seguire e cercheremo di portarla avanti. Grazie di tutto, sarai sempre con noi!”

Norberto Foletti lascia la moglie Lisetta, sempre con lui nelle innumerevoli trasferte e battaglie per il meglio della vela giovanile, quindi del futuro stesso di questo sport, e tre figli: Mauro, Raffaella e Annalisa.

I funerali si svolgeranno sabato 12 giugno alle 10,30 presso la Chiesa del Rione a Riva del Garda.

QUI IL VIDEO DELL'INCONTRO CON NORBERTO FOLETTI E I "SUOI" TRE CAMPIONI 2019: MARCO GRADONI (MONDIALE), FEDERICA CONTARDI (EUROPEA) E ALESSANDRO CORTESE (EUROPEO)

Responsabilità editoriale di Saily.it