11:14

Ivass:impatto prezzi-spread su assicurazioni ma no allarme

Meno utili nel 2022 per compagnie.

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - L'alta inflazione, la crescita di tassi e spread e la volatilità del mercato dovuta al conflitto in Ucraina impatteranno sui bilanci 2022 delle assicurazioni riducendone gli utili e l'Ivass avrà "tutta l'attenzione necessaria ma per il momento senza allarme". Lo afferma il presidente Luigi Federico Signorini presentato il rapporto annuale. Come ha spiegato il segretario generale, Stefano De Polis comunque "vedremo nelle prossime semestrali ma non vedo situazioni disruptive (di crisi conclamata ndr), semmai una riduzione dell'utile" del comparto. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    11:07

    Presunta bancarotta mega resort Olbia, arrestato amministratore

    Accusa mossa da Procura Tempio, debiti per 158 milioni

    Chiudi  (ANSA)

    (ANSA) - OLBIA, 28 GIU - La Guardia di Finanza, su delega della Procura di Tempio Pausania, ha arrestato l'imprenditore Gavino Docche, amministratore del Geovillage, il mega resort sportivo di Olbia, per presunta bancarotta. Secondo le accuse, Docche, a capo di quattro società, tutte fallite, che nel tempo si sono occupate della progettazione, realizzazione e gestione del Geovillage, avrebbe realizzato un debito complessivo di oltre 158 milioni di euro, di cui circa 43 milioni a danno dell'Erario e degli enti previdenziali. Le Fiamme Gialle, guidate dal capitano Carlo Lazzari, stanno sentendo Docche in caserma, prima di trasferirlo in carcere. (ANSA).
       

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      10:58

      Ivass: da inflazione rischi stop a calo prezzi Rc auto

      -38% premi in 10 anni, ancora divari con partner europei

      Chiudi  (ANSA)

      (ANSA) - ROMA, 28 GIU - Nelle tariffe Rc auto "le misure, anche normative, adottate negli ultimi 10 anni hanno consentito di ottenere nel corso del tempo una notevole riduzione dei prezzi (38%)": lo ha detto il presidente dell'Ivass, Luigi Federico, avvertendo però che "l'inflazione, incidendo in modo sensibile sui prezzi delle riparazioni e dei ricambi, rischia di interrompere il processo". Per l'Rc auto, ha aggiunto, si sono ancora ridotti il prezzo medio (oggi 353 euro nel primo trimestre 2022) e i differenziali territoriali, ma il prezzo in Italia resta "più alto della media dei 4 paesi europei",anche se la differenza si riduce. (ANSA).
         

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        10:36

        Ivass: proposta a governo per diventare ente di Bankitalia

        Autonomia ma integrazione personale e supporto

        Chiudi  (ANSA)

        (ANSA) - ROMA, 28 GIU - L'Ivass, l'istituto di vigilanza sulle assicurazioni, ha proposto al governo di trasformarsi in ente strumentale della Banca d'Italia. Lo ha affermato il presidente, Luigi Federico Signorini secondo cui, pur mantenendo l'individualità giuridica, si avrebbe "una maggiore razionalizzazione, una piena condivisione delle funzioni di supporto e una graduale integrazione del personale". Oral'Ivass, nato nel 2013 sulle ceneri dell'Ivasp, ha già un legame con Banca d'Italia il cui dg ricopre per legge la carica di presidente. "Abbiamo trovato, ci pare, orecchie attente; attendiamo ora le riflessioni politiche" ha spiegato Signorini.
            (ANSA).
           

          RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

          10:24

          Industria: fatturato sale del 2,7% a aprile, al top dal 2000

          Istat, rispetto all'anno precedente crescita del 22%

          Chiudi  (ANSA)

          (ANSA) - ROMA, 28 GIU - Continua ad aprile la crescita congiunturale del fatturato dell'industria che segna un nuovo record. Con un aumento del 2,7% rispetto a marzo, l'indice destagionalizzato "tocca il livello più elevato dall'inizio della serie storica" a gennaio 2000, osserva l'Istat. Rispetto all'anno precedente, corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 22%, con incrementi del 21,8% sul mercato interno e del 22,5% su quello estero.
              L'istituto sottolinea che la dinamica congiunturale "risulta meno accentuata considerando l'indicatore in termini di volume, disponibile per il comparto manifatturiero".
              I dati in volume per la manifattura indicano infatti un incremento dell'1,1% ad aprile rispetto a marzo e del 5,5% rispetto all'anno precedente.
              Tornando ai dati in valore per il complesso dell'industria, ad aprile l'aumento mensile del fatturato riguarda con la stessa intensità le componenti interna ed estera. Tra i raggruppamenti principali di industrie, gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali per l'energia (+6%), i beni strumentali (+3,5%), i beni di consumo (+2,1%) e i beni intermedi (+2,0%).
               Rispetto all'anno precedente, l'Istat registra incrementi tendenziali molto marcati per l'energia (+64,4%), i beni intermedi (+30,3%) e i beni di consumo (+21,9%); più contenuto l'aumento per i beni strumentali (+4,0%). "Tutti i settori di attività economica mostrano una crescita in termini tendenziali, ad eccezione dei mezzi di trasporto" (in calo del 18,3%), si legge nella nota. (ANSA).
             

            RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

            10:13

            Covid: Agenas, occupazione intensive sale al 3% in 24 ore

            Dopo oltre 3 settimane di stabilità cresce di un punto

            Chiudi  (ANSA)

            (ANSA) - ROMA, 28 GIU - Dopo oltre tre settimane di stabilità, sale di un punto percentuale nell'arco di 24 in Italia, tornando al 3%, la percentuale di posti nelle terapie intensive occupata da pazienti con Covid-19, lo stesso valore che segnava esattamente un anno fa, quando però di questi tempi girava una variante molto meno contagiosa. E' quanto emerge dai dati dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) del 27 giugno 2022, pubblicati oggi. (ANSA).
               

              RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

              10:06

              Covid: Pechino e Shanghai azzerano nuovi casi dopo 4 mesi

              Nessun contagio interno per la prima volta dal 19 febbraio

              Chiudi  (ANSA)

              (ANSA) - PECHINO, 28 GIU - Pechino e Shanghai hanno azzerato i casi di Covid-19, per la prima volta dopo quattro mesi. La capitale e il principale hub finanziario cinesi hanno contenuto il virus dopo una lotta feroce che ha portato in lockdown milioni di persone, a test di massa ripetuti e a restrizioni alla vita quotidiana che hanno avuto un pesante impatto su ogni aspetto della società e dell'economia. Lunedì le due città non hanno segnalato nuovi contagi per la prima volta dal 19 febbraio, ha riferito la Commissione sanitaria nazionale, rilevando che nel Paese sono stati accertati 22 contagi locali in tutto, di cui uno accertato e 21 asintomatici.
                  La Cina ha annunciato anche il dimezzamento del periodo di quarantena obbligatorio, da 3 settimane a 10 giorni, per i visitatori internazionali nell'ambito del nono piano messo a punto dalla Commissione sanitaria nazionale di prevenzione e contrasto del nuovo coronavirus. (ANSA).
                 

                RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

                10:03

                G7: Usa, 5 mld dollari per sicurezza alimentare

                Oltre la metà dagli Stati Uniti

                Chiudi  (ANSA)

                (ANSA) - ELMAU, 28 GIU - Il G7 darà fino a 5 miliardi di dollari per la sicurezza alimentare globale, oltre la metà verrà dagli Usa. È quanto trapela da fonti Usa citate dalla Dpa.
                    (ANSA).
                   

                  RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


                  Modifica consenso Cookie