ANSAcom
  • Generali con Telepass, al via 'Next' per la mobilità connessa
ANSAcom

Generali con Telepass, al via 'Next' per la mobilità connessa

Assicurazione e telepedaggio in un device, per 1 milione di clienti

MILANO ANSAcom

Si rafforza la partnership tra Generali e Telepass verso una mobilità connessa e sostenibile. Dal telepedaggio al pagamento del carburante o del parcheggio con comando vocale, dal real time coaching fino all’assistenza automatica in caso di emergenza. Sono alcuni dei 30 servizi digitali racchiusi in Next, il primo dispositivo che unisce assicurazione, telematica e telepedaggio. L’obiettivo di Generali è raggiungere 1 milione di clienti Telepass entro il 2022.

“Oggi cresce l’attenzione del cliente verso nuove forme di mobilità connessa e sostenibile: quasi uno su due utilizza oggi un’auto connessa; il 64% preferisce gestire i servizi in modalità self-service, ed entro il 2025 raddoppierà il numero di persone che utilizzerà il car sharing, mentre, il 70% aspira a un mezzo elettrico o ibrido”. Lo spiegano il ceo di Generali Jeniot, Francesco Bardelli, e il chief Property & Casuality Officer di Generali Italia, Massimo Monacelli, durante la presentazione di Next, insieme al ceo di Telepass, Gabriele Benedetto.

“In 5 anni in Generali abbiamo innovato l’assicurazione per la mobilità: assicurando per la prima volta lo spostamento della persona, non più solo l’auto”, aggiunge Bardelli, sottolineando che telematica e servizi digitali garantiscono “più prevenzione, sicurezza, assistenza e rapidità, e anche un impatto sociale e ambientale positivo”. Attraverso questa partnership con Telepass “rafforziamo il nostro impegno nella costruzione di un ecosistema di mobilità con servizi innovativi, tecnologici, data-driven e personalizzabili per creare soluzioni uniche ed eccellenti per i clienti Telepass e Generali”. Next “è la terza iniziativa tra quelle previste dalla partnership siglata con Generali e, anche questa, così come l’applicazione di cashback sul pedaggio in autostrada con rimborso automatico e la copertura collisione autostradale, si focalizza sull’innovazione tecnologica che ci guida fin dalla nostra nascita”, aggiunge Benedetto.

“Abbiamo intercettato da parte del nostro pubblico di riferimento un’esigenza di mobilità facilmente fruibile e connessa e proponiamo, insieme a Generali Italia, una soluzione innovativa per offrire ai clienti un’esperienza di mobilità semplice, fluida, smart e personalizzata. Il nuovo prodotto conferma Telepass come un ecosistema di servizi sulla mobilità a 360 gradi e lo proietta nella costruzione del futuro della mobilità sempre più connessa”. Più nel dettaglio, grazie alle tecnologie di Generali Jeniot si può contenere il rischio sulla strada, grazie all’interazione in tempo reale con il real time coaching, si può essere contattati automaticamente in caso di incidente o richiedere un contatto in vivavoce con un operatore in caso di bisogno, si può ottenere la certificazione dello stato di utilizzo e delle percorrenze della propria auto, anche come supporto in caso di multe o contenziosi, oltre che attivare il servizio «trova veicolo» o attivare un «geo-fence», un perimetro virtuale per impostare alert di entrata o uscita su un’area definita.

Al contempo, Next diventa abilitatore dei principali servizi offerti in mobilità da Telepass. E’ quindi possibile pagare i pedaggi autostradali e i parcheggi, il bollo e attivare la notifica di memo, il rifornimento carburante, ricevere automaticamente il rimborso in caso di ritardo in autostrada causato da intenso traffico, ma anche ad esempio, aprire il cancello di casa, attivare i servizi legati allo Skipass o al lavaggio della propria auto a domicilio, offerto dalla società del gruppo Telepass, Wash Out. Con Next l’utilizzo della telematica è una leva di sostenibilità che incentiva comportamenti responsabili alla guida generando un impatto sociale e ambientale positivo.

In collaborazione con:
Generali

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie