ANSAcom
  • L'Arena si riprende la scena, 'Carmen' da tutto esaurito da' il via al Festival 2022
ANSAcom

L'Arena si riprende la scena, 'Carmen' da tutto esaurito da' il via al Festival 2022

Serata magica con 13mila persone. Incanta 'l'ensamble' delle scene di Zeffirelli

ANSAcom

Il sipario simbolico nel più grande teatro all’aperto del mondo si è alzato dopo i tre tradizionali suoni del gong davanti a 13mila spettatori. Tutto esaurito all’Arena di Verona per la prima di Carmen di Gorges Bizet che ha inaugurato la 99/a edizione dell’Opera Festival. Sold out dopo tre anni (all’ultima prima da tutto esaurito, nel 2019, arrivò anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella) e due stagioni fortemente condizionate dalla pandemia ed un 2021 con il tetto di 6.000 spettatori (unica concessione alle limitazioni in tutti gli altri teatri italiani). Così il capolavoro indiscusso di Bizet dedicato alla sigaraia di Siviglia con sangue gitano ha rinnovato la magia della musica lirica in Arena, proseguendo nel solco ultracentenario della geniale intuizione del tenore veronese Giovanni Zenatello, che nel 1913 dopo aver lanciato un do di petto durante una visita nell’anfiteatro romano, ebbe l’dea di organizzare il primo festival lirico. Allora fu Aida, l’opera regina in Arena, naturalmente in cartellone anche in questa edizione, aperta con il capolavoro di Bizet nell’allestimento che ha integrato per la prima volta le migliori intuizioni di Franco Zeffirelli dal 1995 al 2009 e nuovi elementi mai realizzati dai bozzetti originali. “E’ tornato in scena, dopo tre anni, qualcosa di speciale - ha detto Cecilia Gasdia, sovrintendente e direttore artistico della Fondazione Arena di Verona -. Qualcosa che davamo per scontato e che abbiamo rischiato di perdere: non solo la magia di un grande spettacolo unico al mondo, ma anche arte, lavoro, identità, e il piacere di ritrovarsi in un rito collettivo nella piena capienza del nostro millenario anfiteatro”. “Con Carmen - ha aggiunto - torna l’Arena di Verona che conosciamo, con i migliori interpreti di oggi e i grandi allestimenti per cui rappresenta l’opera nell’immaginario collettivo”. Così per 46 sere (tanti sono gli eventi in cartellone) si accendono di nuova vita capolavori immortali con professionalità e passione. Al debutto nel ruolo di Carmen Clémentine Margaine e Luca Micheletti come torero Escamillo, con il tenore Brian Jagde nei panni di Don Josè e la Micaela del soprano Karen Gardeazabale. Sul podio Marco Armiliato, direttore musicale del Festival. All’orchestra, coro e tecnici della Fondazione Arena si aggiungono le voci bianche di A.Li.Ve., il Ballo con le coreografie originali di El Camborio riprese da Lucia Real e la Compagnia di Ballo spagnolo Antonio Gades. “In questi anni difficili - ha osservato il sindaco di Verona Federico Sboarina, presidente della Fondazione Arena - ci siamo impegnati con un grande sforzo affinché l’Arena non si spegnesse mai: quanto realizzato finora è stato definito da molti miracoloso, sia sostanzialmente che economicamente”. Con questo Festival che all’Arena di Verona tornano finalmente gli spettacoli con numeri pre-pandemici. In calendario 8 repliche di Carmen fino al 27 agosto. Questa sera tocca ad Aida di Giuseppe Verdi, con la direzione di Daniel Oren. oprio alla monumentale opera del Maestro di Busseto. Nel cartellone del 99/o Arena di Verona Opera Festival anche La Traviata e Nabucco di Giuseppe Verdi, Turandot di Giacomo Puccini, i Carmina Burana con omaggio a Ezio Bosso, Domingo in Verdi Opera Night e la danza con Roberto Bolle and Friends. Spettacoli che faranno da grande anteprima all’atteso Festival del centenario, nel 2023, che vedrà in scena all’Arena di Verona anche l’Orchestra della Scala di Milano diretta da Riccardo Chailly.

In collaborazione con:
Fondazione Arena Verona

Archiviato in


Modifica consenso Cookie