Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: la ripresa di Shanghai inizia anche dal caffè (2)

(XINHUA) - SHANGHAI, 25 MAG - Alla data di lunedì 23 maggio, avevano riaperto quasi 20 caffetterie Starbucks nei 12 distretti di Shanghai, coprendo il centro e le aree periferiche. Sheng afferma che, come previsto, questi giorni di riapertura sono stati per lei molto impegnativi. "La nostra caffetteria si trova in prossimità di una stazione della metropolitana. Anche se è piccola, ha alcuni vantaggi geografici", spiega la direttrice, aggiungendo che, poiché parte della rete di trasporto pubblico della città ha ripreso a funzionare il 22 maggio, la domanda di caffè da asporto tra i residenti delle comunità vicine e gli impiegati che sono tornati al lavoro è ulteriormente aumentata.
    La ripresa delle attività di Starbucks, di Peet's e di altre note catene ha aumentato la fiducia degli operatori del settore.
    "È una buona notizia per i fornitori", afferma Peng Ziyuan, il quale nonostante le difficoltà dovute ai ritardi logistici continua ad occuparsi di un'attività di vendita all'ingrosso di caffè in grani a Shanghai.
    Quest'ultimo aggiunge: "Negli ultimi anni, la catena dell'industria del caffè in Cina è diventata più completa. Con il graduale fluire della logistica, anche le fabbriche del delta del fiume Yangtze e i produttori di caffè in grani della provincia dello Yunnan, nel sud-ovest della Cina, ne trarranno beneficio".
    Per Tan Congcong, proprietario dello Shanghai Tan Coffee: "Bere caffè è in realtà una piccola cosa. Ma se ogni piccola cosa a Shanghai funziona in modo pratico e regolare, la città non sarà lontana dalla normalità". (XINHUA)

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie