Libri

"La peste" di Camus torna bestseller ai tempi del Covid

Traduttrice Yasmina Mélaouah svela la forza dei grandi classici

Un anno e mezzo fa la pandemia ha sconvolto il mondo, che si è fermato per il lockdown. I cinema e i teatri chiudevano e nelle librerie la ricerca dei lettori cadeva su un libro dal quale trovare una chiave per interpretare l'epidemia dei nostri giorni: il capolavoro mondiale "La peste" di Albert Camus è tornato prepotentemente alla ribalta in tutto il pianeta, Italia compresa, ritradotto nel 2016 per Bompiani da Yasmina Mélaouah.
    La traduttrice di origine tunisina, voce italiana tra gli altri di Pennac, Vargas, Colette, Saint-Exupéry, ha aperto a Orani la terza edizione della rassegna letteraria al femminile "Quando tutte le donne del mondo", ispirato alla filosofa Simone de Beauvoir e nato da un'idea della scrittrice, editor e critica letteraria, Bastiana Madau. "I grandi classici, come La Peste, scritto nel 1947, ci aspettano per raccontarci il tempo che attraversiamo - ha chiarito Yasmina Mélaouah in piazza Su Postu, dove si affaccia la casa del pittore Mario Delitala e da cui si dipana il progetto Pergola Village di Costantino Nivola - Camus racconta lo stato d'animo, l'isolamento, la solitudine delle persone colpite dalla peste, la lotta contro il flagello, la disperazione e la morte e infine la vittoria contro il morbo e il senso di comunità ritrovato, sapendo però che il male si può ripresentare. Da questo libro ci arriva una grande lezione: in tempi di pandemia bisogna mettere da parte la felicità individuale, perché esiste solo la felicità collettiva".
    Mélaouah, che ha dialogato in piazza con Maria Teresa Carbone, giornalista culturale e poetessa, e Dominique Vittoz, nota in Francia per avere tradotto gran parte dell'opera di Camilleri, ha spiegato il potere delle parole nella traduzione.
    "E' importante avere una forte cultura letteraria per saper leggere tra le righe l'autore e trovare le parole giuste - ha sottolineato - E' cruciale inoltre padroneggiare la propria la lingua con i diversi registri. La letteratura sposta la lingua di lato, forza i margini, rompe gli schemi, e il bravo traduttore deve saper correre negli angoli meno frequentati della lingua". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie