Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Arte
  4. Mostra omaggio a Grubicy, l'intellettuale-artista

Mostra omaggio a Grubicy, l'intellettuale-artista

A Livorno esposte opere 'consigliere' Toscanini collezionista

(ANSA) - LIVORNO, 11 FEB - Una nuova figura di intellettuale, al tempo artista, gallerista e scopritore di talenti. Questo fu Vittore Grubicy (1851-1920), anche 'consigliere' di Arturo Toscanini collezionista d'arte, a cui dall'8 aprile al 10 luglio Livorno dedica una mostra al Museo della Città, curata da Sergio Rebora e Aurora Scotti Tosini e realizzata da Fondazione Livorno - Arte e cultura e Comune. L'esposizione, dal titolo 'Vittore Grubicy. Un intellettuale-artista e la sua eredità. Aperture internazionali tra divisionismo e simbolismo' raccoglie in nove sezioni dipinti di Grubicy e di altri che collezionava come Segantini, Morbelli, Millet e Tranquillo Cremona, oltre a oggetti d'arredo e fotografie che consentono, potendo attingere a materiali inediti conservati dagli eredi di Ettore Benvenuti, di proporre pure una dimensione privata dell'uomo. La mostra segue così più fili paralleli di racconto: l'uomo, le sue passioni, le scelte di vita, gli ambienti italiani e internazionali che ebbe a frequentare e l'arte del suo tempo che seppe precorrere, guidare, promuovere e interpretare. Il tutto in anni in cui si transita dalla Scapigliatura al Divisionismo giungendo sino agli esordi del Futurismo. Un'intera sezione è riservata al rapporto tra Vittore e Toscanini, col tramite di Leonardo Bistolfi: in mostra anche un gruppo di dipinti appartenuti al celebre direttore d'orchestra, recentemente acquisiti da Fondazione Livorno.
    Proprio Livorno è al centro dell'ultima sezione della grande mostra: Vittore ebbe un ruolo fondamentale nel rinnovare la pittura livornese, dopo la lunga vicenda macchiaiola e post macchiaiola. "La presenza di un cospicuo nucleo di opere dell'artista - sottolineano i curatori Rebora e Scotti Tosini - nelle collezioni della Fondazione Livorno e la disponibilità pubblica del suo ricchissimo e prezioso archivio presso il Mart di Rovereto hanno offerto nuovi innumerevoli spunti di studio e sono alla base anche della mostra, che intende proporre il personaggio nella sua veste pubblica di intellettuale, artista e promoter ma anche nella sua dimensione privata e più nascosta di uomo del suo tempo, con le sue debolezze, le sue idiosincrasie, la sua generosità e i suoi slanci sentimentali". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        In Collaborazione con

        Vai al sito del Maxxi

        Modifica consenso Cookie