COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale ANCI Piemonte

Il 5 giugno appuntamento con "Spazzamondo"

I cittadini di 150 comuni cuneesi insieme per una giornata di raccolta di rifiuti

ANCI Piemonte

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, sabato 5 giugno si celebrerà “Spazzamondo. Cittadini attivi per l’ambiente”. L’iniziativa - realizzata dalla Fondazione CRC in collaborazione con ANCI Piemonte, il Coordinamento Provinciale della Protezione Civile di Cuneo, Uncem e Cooperativa Erica - ha il duplice obiettivo di promuovere la partecipazione attiva da parte dei cittadini nella presa in carico di beni e spazi comuni e di favorire la salvaguardia e la valorizzazione del paesaggio e dell’ambiente.

I comuni che hanno aderito all’iniziativa sono 150: i cittadini interessati potranno partecipare all'evento compilando il form disponibile al link www.spazzamondo.it entro giovedì 3 giugno. A partire dalle ore 9:30 del 5 giugno, nei punti di distribuzione allestiti dai comuni, gli iscritti riceveranno il kit personalizzato della Fondazione CRC composto da sacchetti per la raccolta dei rifiuti, guanti, pinze, t-shirt e cappellino.

Partecipando a Spazzamondo, i cittadini contribuiranno a ripulire l’ambiente e aiuteranno anche il proprio Comune a vincere uno dei premi messi in palio dalla Fondazione CRC: 21 mila euro complessivi per i 9 comuni, suddivisi per fasce di residenti, che riusciranno a coinvolgere il maggior numero di partecipanti. L’iniziativa è inserita nel progetto europeo "Let’s clean up", promosso dalla SERR (Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti) all’interno del Programma LIFE+ della Commissione Europea, con l’obiettivo di generare coscienza collettiva sulla riduzione, sul riuso e sul riciclo dei materiali. 

Spazzamondo ha visto in queste settimane una grande adesione da parte dei comuni della provincia di Cuneo e costituisce un’occasione importante per promuovere la partecipazione attiva delle comunità e la salvaguardia dell’ambiente, temi che la Fondazione ha individuato come centrali nel proprio Piano Pluriennale 2021-2024 intitolato + Sostenibilità, +Comunità, + Competenze”, dichiara Ezio Raviola, vicepresidente della Fondazione CRC.

Sono molto orgoglioso di poter contribuire alla diffusione di questo appuntamento organizzato dalla Fondazione CRC, perché accanto a moltissime iniziative personali o di organizzazioni di volontariato, a partire da Legambiente, che da anni promuovono azioni di pulizia, è la prima volta, a mia memoria, che un’istituzione riesce a coinvolgere su uno stesso territorio un numero così alto di amministrazioni pubbliche. Abbiamo bisogno tutti insieme di invertire la rotta e lasciare un pezzo di mondo migliore di come lo abbiamo trovato”, commenta Roberto Cavallo, amministratore delegato della cooperativa sociale E.R.I.C.A.

“Tante le iniziative che fino ad oggi sono state attivate per promuovere la raccolta di rifiuti e la cura della nostra casa comune. La novità di Spazzamondo sta però nel fatto che nasce da una precisa volontà della Fondazione CRC e coinvolge i comuni, enti responsabili della tutela del nostro territorio. Vivere in un ambiente pulito è il primo passo per costruire una comunità sicura: la Protezione Civile, da sempre attiva su questi temi, non poteva mancare”, aggiunge Roberto Gagna, presidente del Coordinamento provinciale della Protezione Civile di Cuneo.

“L’iniziativa promossa da Fondazione CRC va nella direzione di valorizzare l’impegno e la partecipazione civica a favore dei beni comuni. L’adesione così rilevante delle Amministrazioni del territorio testimonia l’attenzione al tema ambientale e rappresenta un incentivo alla partecipazione dei cittadini nella tutela e salvaguardia delle comunità locali. Siamo orgogliosi di poter contribuire a questa mobilitazione, grati a Fondazione CRC ed ai tanti soggetti che hanno deciso di mettersi in gioco”, sottolinea Michele Pianetta, vicepresidente di ANCI Piemonte.

“Spazzamondo è un’iniziativa concreta e di sensibilizzazione importante per tutti i territori, in particolare per i comuni montani che hanno territori molto estesi nei quali il problema dell’abbandono dei rifiuti è davvero presente e sentito”, conclude Giorgio Ferraris, componente della giunta di UNCEM Piemonte.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale ANCI Piemonte

Modifica consenso Cookie