Responsabilità editoriale Obiettivo Europa

Erasmus+ 2021 - Azione Chiave 3: Sostegno allo sviluppo politico e alla cooperazione – Giovani Europei Uniti

Ente promotore: Commissione Europea – Programma Erasmus+ | Scadenza: 24 giugno 2021

L'obiettivo generale del Programma Erasmus+ è sostenere lo sviluppo formativo, professionale e personale degli individui nel campo dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, in Europa e nel resto del mondo, contribuendo in tal modo alla crescita sostenibile, all'occupazione e alla coesione sociale come pure al rafforzamento dell'identità europea.

Il programma rappresenta pertanto uno strumento fondamentale per costruire uno spazio europeo dell'istruzione, sostenere l'attuazione della cooperazione strategica europea in materia di istruzione e formazione e le relative agende settoriali, portare avanti la cooperazione sulla politica in materia di gioventù nell'ambito della strategia dell'Unione per la gioventù 2019-2027 e sviluppare la dimensione europea dello sport.

Le priorità del Programma Erasmus+ riguardano:

  • Inclusione e diversità
  • Trasformazione Digitale
  • Ambiente e lotta al cambiamento climatico
  • Partecipazione alla vita democratica


Il Programma è articolato in 3Azioni chiave:

KA1 - mobilità ai fini dell'apprendimento ("azione chiave 1")

KA2 - cooperazione tra organizzazioni e istituti ("azione chiave 2")

KA3 - sostegno allo sviluppo delle politiche e alla cooperazione ("azione chiave 3")

Gli obiettivi sono, inoltre, perseguiti tramite le azioni Jean Monnet. 

L'azione chiave 3 fornisce sostegno alla cooperazione politica a livello di Unione europea, contribuendo così allo sviluppo di nuove politiche, che possono innescare la modernizzazione e le riforme, a livello di Unione europea e di sistemi, nei settori dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport.

I progetti sostenuti nell'ambito dell’Azione Chiave 3 sono finalizzati a:

  • preparare e sostenere l'attuazione dell'agenda politica dell'UE in materia di istruzione, formazione, gioventù e sport, comprese le agende settoriali per l'istruzione superiore, l'istruzione e la formazione professionale, le scuole e l'apprendimento degli adulti, e in particolare facilitando la governance e il funzionamento del Metodo aperto di Coordinamento;
  • condurre sperimentazioni politiche a livello europeo, guidate da autorità pubbliche di alto livello e coinvolgendo prove sul campo su misure politiche in diversi paesi, sulla base di validi metodi di valutazione. In linea con la strategia dell'UE per la gioventù, verrà fornito anche un sostegno finanziario alle strutture che animano il gruppo di lavoro nazionale designato da ciascuna autorità nazionale nel quadro del dialogo dell'UE con i giovani a livello nazionale.
  • raccogliere prove e conoscenze su sistemi e politiche di istruzione, formazione, gioventù e sport a livello nazionale ed europeo, al fine di facilitare l'elaborazione di politiche ragionate. La raccolta e l'analisi delle prove saranno condotte attraverso indagini e studi a livello UE o internazionali nonché competenze tematiche e specifiche per paese;
  • facilitare la trasparenza e il riconoscimento delle competenze e delle qualifiche, nonché il trasferimento di crediti, per promuovere la garanzia della qualità, sostenere la convalida dell'apprendimento non formale e informale, la gestione delle competenze e l'orientamento. Quest'area includerà anche il sostegno a organismi o reti a livello nazionale ed europeo che facilitano gli scambi transeuropei, nonché lo sviluppo di percorsi di apprendimento flessibili tra i diversi campi dell'istruzione, della formazione e della gioventù e attraverso l'apprendimento formale, non formale e informale;
  • cooperazione con organizzazioni internazionali con competenze e capacità analitiche altamente riconosciute (come l'OCSE e il Consiglio d'Europa), per rafforzare l'impatto e il valore aggiunto delle politiche nei settori dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport;
  • promuovere il dialogo politico con le parti interessate all'interno e all'esterno dell'Unione europea, attraverso conferenze, eventi e altre attività che coinvolgono i responsabili politici, i professionisti e altre parti interessate nei settori dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, per aumentare la consapevolezza sulle pertinenti agende politiche europee e promuovere l’Europa come eccellente destinazione di studio e ricerca;
  • migliorare l'attuazione del programma in termini qualitativi, facilitando il trasferimento di conoscenze e pratiche tra le agenzie nazionali, dotando le agenzie nazionali e la Commissione di risorse "think-tank" che consentano l'elaborazione di attività e strategie per attuare il programma in connessione con gli sviluppi politici, fornendo strumenti per sfruttare al meglio il potenziale di sinergie e complementarità;
  • fornire opportunità per le persone in qualsiasi fase della loro vita con un'esperienza di apprendimento all'estero nel loro campo di competenza, come la governance pubblica, l'agricoltura e lo sviluppo rurale, le nuove tecnologie, le imprese, ecc.;
  • consentire agli organismi di attuazione di Erasmus + di agire come facilitatori dell'ampliamento dei progetti Erasmus + per richiedere sovvenzioni o sviluppare sinergie attraverso il sostegno dei Fondi strutturali e di investimento europei gestiti a livello nazionale e regionale, il programma quadro per la ricerca e l'innovazione e i programmi relativi a migrazione, sicurezza, giustizia e cittadinanza, salute e cultura;
  • sostenere eventi, campagne e altre attività che informeranno i cittadini e le organizzazioni sul programma Erasmus + e sulle politiche dell'Unione europea nei settori dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport;
  • contribuire all'identificazione e alla diffusione di buone pratiche e storie di successo dai progetti supportati al fine di dare loro maggiore visibilità e ampliarli a livello locale, nazionale ed europeo.

A livello sistemico, i progetti finanziati dovrebbero innescare la modernizzazione e rafforzare la risposta dei sistemi di istruzione e formazione e delle politiche giovanili alle principali sfide del mondo di oggi: sostenibilità ambientale, trasformazione digitale, occupazione, stabilità economica e crescita, ma anche competenze civiche e interculturali, dialogo interculturale, valori democratici e diritti fondamentali, inclusione sociale, salute mentale e benessere, non discriminazione e cittadinanza attiva, pensiero critico e alfabetizzazione mediatica.

Impatti attesi, Azione Chiave 3:

  • contribuire a migliorare la capacità del settore giovanile, attivo a livello di base, di aumentare le proprie attività e lavorare a livello transnazionale per costruire inclusività, solidarietà e sostenibilità, compresa la promozione dell'apprendimento transnazionale e della cooperazione tra i giovani e i responsabili decisionali;
  • basarsi sugli obiettivi della strategia dell'UE per la gioventù 2019-2027 e più specificamente dimostrando come stanno contribuendo alle priorità della strategia "Engage-Connect-Empower";
  • basarsi sui risultati degli obiettivi europei per la gioventù, del dialogo con i giovani, di altri progetti di dibattito sui giovani e sui sondaggi di opinione relativi al futuro dell'Europa e collegandoli allo sviluppo delle politiche a livello locale/regionale/nazionale/europeo;
  • basarsi sulle raccomandazioni specifiche per paese del semestre europeo per quanto riguarda i giovani;
  • migliorare il coinvolgimento dei giovani nella vita democratica, in termini di cittadinanza attiva e coinvolgimento con i decisori (empowerment, nuove competenze, coinvolgimento dei giovani nella progettazione del progetto, ecc.);
  • potenziamento delle migliori pratiche esistenti e sensibilizzazione oltre i livelli locali (rurali, città, regioni, paesi) e reti regolari, compreso il buon uso dei mezzi digitali per rimanere in contatto in tutte le circostanze, anche in situazioni di lontananza, isolamento o reclusione;
  • diffondere i propri risultati in modo efficace e attraente tra i giovani coinvolti in organizzazioni giovanili, in modo da aprire la strada a partenariati più sistematici, e anche tra i giovani non affiliati a strutture giovanili o che provengono da contesti svantaggiati.

Nell’ambito dell’Azione Chiave 3, viene sostenuta la seguente azione:

  • European Youth Together (Giovani europei uniti)

L'azione chiave 3 copre molte altre azioni a sostegno della riforma delle politiche nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù che vengono attuate direttamente dalla Commissione europea o tramite inviti a presentare proposte specifici gestiti dall'Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura. Queste azioni sono raggruppate nelle seguenti sezioni:

  • Supporto allo sviluppo delle politiche europee;
  • Supporto a strumenti e misure sindacali che promuovono la qualità, la trasparenza e il riconoscimento di abilità, competenze e qualifiche;
  • Dialogo politico e cooperazione con le principali parti interessate e le organizzazioni internazionali;
  • Misure che contribuiscono all'attuazione qualitativa e inclusiva del programma;
  • Cooperazione con altri strumenti sindacali e sostegno ad altre politiche sindacali;
  • Attività di divulgazione e sensibilizzazione

Dotazione finanziaria complessiva: € 115.155.000

Consulta la scheda completa del bando su Obiettivo Europa

Responsabilità editoriale di Obiettivo Europa.
Per leggere l'articolo completo, registrati su Obiettivo Europa, per attivare il periodo di consultazione gratuita per 15 giorni.