PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

  1. ANSA.it
  2. ANSA PNRR
  3. Umbria
  4. Bando Pnrr per paesaggio rurale, prorogati i termini

Bando Pnrr per paesaggio rurale, prorogati i termini

Presentazione delle domande entro il 15 giugno

Redazione ANSA PERUGIA

(ANSA) - PERUGIA, 06 GIU - Ancora una settimana e mezzo di tempo a disposizione dei cittadini umbri interessati a partecipare all'Avviso pubblico della Regione Umbria per la presentazione di proposte di intervento per il restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale da finanziare nell'ambito del Pnrr, già pubblicato nella sezione "bandi" del portale istituzionale www.regione.umbria.it E' stato, infatti, ulteriormente prorogato il termine per la presentazione delle domande alle ore 11.59 del prossimo mercoledì 15 giugno. E' quanto rende noto l'assessorato regionale alle risorse, programmazione, cultura e turismo.
    Con oltre 11,4 milioni di euro, assegnati alla Regione Umbria dal ministero della Cultura, verranno sostenuti progetti di restauro e valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale di proprietà di soggetti privati e del terzo settore, o a vario titolo da questi detenuti, per garantire che tale patrimonio sia preservato e messo a disposizione del pubblico. Ammissibili anche progetti che intervengano su beni del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale di proprietà pubblica, dei quali i soggetti privati e del terzo settore abbiano la piena disponibilità, con titoli di godimento di durata pari almeno a cinque anni successivi alla conclusione dell'intervento, mantenendo i vincoli di destinazione per analoga durata.
    Potranno essere finanziati almeno 76 interventi su edifici storici rurali, provvisti della dichiarazione di interesse culturale oppure costruiti da più di 70 anni e censiti o classificati dagli strumenti regionali e comunali di pianificazione territoriale e urbanistica. Le risorse, a fondo perduto, vengono assegnate fino all'80% delle spese ammissibili, nei limiti massimi di 150mila euro per soggetto ammissibile; fino al 100% delle spese ammissibili, nei limiti massimi di 150mila euro per soggetto ammissibile, se il bene è dichiarato di interesse culturale.
    Possono presentare domanda persone fisiche e soggetti privati profit e non profit. Le domande potranno essere presentate esclusivamente tramite l'applicativo predisposto da Cassa Depositi e Prestiti, accessibile dal canale Bandi della Regione Umbria.
    La procedura di selezione degli interventi da ammettere ai finanziamenti è una procedura a sportello con valutazione, nella quale l'ordine temporale di arrivo delle domande guiderà sia l'istruttoria sia la valutazione di merito da parte della commissione. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: