'Ndrangheta: ex assessore 'io bipolare, elezioni mia droga'

Rosso accusato voto scambio. 'Non so come sono finito qui'

(ANSA) - TORINO, 06 MAG - "Sono affetto della sindrome bipolare e alterno momenti 'up' a quelli 'down' e nei momenti di euforia le campagne elettorali erano la mia droga". E' iniziata con questa dichiarazione spontanea, prima di sottoporsi alle domande del pm Paolo Toso, l'interrogatorio dell'ex assessore regionale Roberto Rosso, al processo 'Fenice-Carminius' sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nel Torinese. Arrestato nel dicembre 2019, Rosso è accusato di voto di scambio politico-mafioso.
    "Ho letto e riletto le ordinanze in cui mi si accusa e da un anno e mezzo mi chiedo come possa essere finito in una situazione del genere - continua Rosso, agli arresti domiciliari dopo cento giorni di carcere, difeso dagli avvocati Giorgio Piazzese e Franco Coppi - Durante l'interrogatorio ero uscito con una battuta infelice 'Sarò da perizia psichiatrica' dissi.
    Grazie al percorso di psicoterapia che da quel momento il tribunale mi ha concesso di fare, ho capito che sono affetto da disturbo bipolare".
    Secondo l'accusa Rosso avrebbe avuto contatti con individui legato alle cosche calabresi, che avrebbero chiesto il pagamento di 15 mila euro in cambio di un pacchetto di voti per le elezioni regionali del 2018. "Io non ho pagato 15 mila euro e non ho mai pagato per pacchetti di voti. Mi chiedo ancora oggi come io sia finito dentro questa vicenda", dice Rosso. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie