ANSAcom

ANSAcom

Zes:Intesa Sanpaolo, porti centrali per sviluppo Italia

Roscio, incentivazione e premialità per le aziende che investono

Napoli ANSAcom
La decisione di Intesa Sanpaolo sui 5 miliardi da investire per Zes e Zls nasce "dal nostro voler nuovamente porre l'attenzione sulle aziende che hanno l'opportunità di investire sulle zone portuali, che noi vediamo centrali per lo sviluppo del Paese, perché rappresentano anche la centralità del posizionamento logistico internazionale dell'Italia rispetto ai mercati esteri". Lo afferma Anna Roscio, Executive director sales marketing per imprese di Intesa Sanpaolo, in occasione della presentazione del nuovo plafond che l'istituto bancario mette a disposizione per lo sviluppo di Zes e Zls.
"Cinque miliardi - ha detto Roscio - vuol dire un'incentivazione, una premialità per le aziende che investono in questo territorio, riconoscendo per le nuove attività produttive anche un incentivo in termini di minor costo del finanziamento. I passi successivi sono di portare nel mondo i porti italiani, perché ci basiamo sul principio di valore strategico della portualità italiana e insieme a Confindustria e ai rappresentanti delle autorità portuali, delle Zes e delle Zls, definiremo per l'inizio del 2023 un road show internazionale per attrarre anche gli investimenti esteri".
Sulle Zes, la dirigente dell'Intesa Sanpaolo sottolinea che "è un'iniziativa partita diversi anni fa con un pizzico di falsa partenza - ricorda - perché è stato fatto un effetto annuncio, poi c'è stato un tempo di messa a terra. Questo gap è stato ora colmato e auspichiamo che le imprese mettano da parte i dubbi e le perplessità di questo istituto che ha rappresentato un grande strumento di rilancio su altri contesti internazionali. Crediamo che oggi sia un nuovo inizio. Anche sul Mediterraneo guardiamo a quello che nella relazione di oggi di Srm (Società di studi sul Mediterraneo di Intesa Sanpaolo, ndr) abbiamo visto alcuni modelli portuali anche vicini è importante sapere che ci sono esempi di successo a cui dobbiamo guardare per avere un modello internazionale a cui fare riferimento e sfruttare. Serve da qusto un'opportunità a livello nazionale molto importante. Questa cosa l'abbiamo già fatta e continuamo a crederci, lo abbiamo fatto a livello regionale e ora andiamo avanti a livello nazionale".

In collaborazione con:
Intesa Sanpaolo

Archiviato in


Modifica consenso Cookie