Covid: Filograna (P.Iva), adesso chiudiamo noi

"L'Italia fa harakiri, regole assurde che scoraggiano stranieri"

(ANSA) - MILANO, 08 MAG - "Già 73.000 imprese hanno chiuso definitivamente nel 2020 e altre stanno chiudendo e nei primi tre mesi del 2021 saranno oltre 390 mila. Oltre un milione di posti di lavoro persi. Allora decidiamo noi e lasciamo agli scienziati la soddisfazione di continuare a sbandierare i dati Covid, falsi o veri che siano". A dirlo è Eugenio Filograna, presidente di Autonomi e Partite Iva. "Ormai siamo economicamente moribondi e pronti a chiudere tutto, mentre Speranza e i suoi virologi impongono regole capestro", aggiunge Filograna in merito alle manifestazioni, al coprifuoco e alle aperture riservate solo a bar e ristoranti che hanno il dehors.
    "Ci stiamo consultando ed allargheremo le consultazioni anche agli altri movimenti per decidere se restare chiusi anche durante l'estate e a tempo indeterminato perché non siamo in grado di riaprire e non riusciremo più a recuperare le enormi perdite subite in un anno. A nulla sono servite le proteste e le richieste di aiuto. L'orientamento generale - continua Filograna - è quello di restare chiusi e di prendere la decisone finale dopo che il ministro della Salute deciderà cosa intende fare".
    "L'Italia fa harakiri: la stagione per il turismo invernale è finita, nel senso che non è mai cominciata. E adesso stanno facendo la stessa cosa con il turismo estivo. Imponendo regole assurde che non attirano gli stranieri, ma li cacciano". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie