'Fascista', striscione su casa sindaco Pordenone

Ciriani, "vigliacca intimidazione"

(ANSA) - PORDENONE, 15 MAG - La notte scorsa ignoti hanno affisso uno striscione di protesta sulla recinzione esterna della casa del sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani, reo, a loro avviso, di non aver partecipato a una manifestazione che celebrava il centenario delle giornate antifasciste del quartiere di Torre di Pordenone.
    A raccontare quanto accaduto è stato lo stesso primo cittadino sui canali social: "Questa mattina, alle 7.20, sento suonare il campanello. Sono i Carabinieri e subito penso a una disgrazia - è la premessa -. Tranquillizzo i miei genitori molto anziani, svegliati anche loro. Corro ad aprire, angosciato: i militari, gentilissimi, mi accompagnano fino ad un tratto della recinzione di casa, quella esposta alla strada, dove campeggia un grande striscione. Il testo? Il sindaco fascista e la resistenza bla bla... Eccoli qui i sinceri democratici e antifascisti e antirazzisti e 'anti quello che vi pare' che, a corto di idee e a ridosso della campagna elettorale, non trovano di meglio che togliere dalla soffitta il peggior nostalgismo anni '70".
    "Antifascisti? - prosegue Ciriani - In realtà, un grumo violento e intollerante della peggiore sinistra. Questo gesto, volendo usare lo stesso esasperato armamentario politico della sinistra cittadina, non è una vigliacca intimidazione? Non è comunicare che "sappiamo dove vivi"? Non è come quando i nazisti segnavano con vernice le case degli ebrei? Nella loro testa bacata è così ma io preferisco trattare il fatto come esercizio di imbecillità totale e spero che sia corale e senza distinguo la condanna. Non tanto per il gesto in sé - conclude il primo cittadino - quanto per aver svegliato e spaventato due anziani malati, due bambini e sporcato una casa privata". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Nuova Europa



        Modifica consenso Cookie