DIRETTA EUROPEI

Risultato finale
Italia4
3Inghilterra

Forza ed entusiasmo, Italia pronta al sogno finale

Azzurri verso sfida all'Inghilterra, a Wembley anche Mattarella

Redazione ANSA ROMA

Tutto in una notte. Domenica sera a Wembley si gioca una finale inedita, tra Italia e Inghilterra che, comunque vada, rimarranno due delle grandi nazionali del calcio continentale. Così come lo sono, dall'altra parte del mondo, Brasile e Argentina che, sempre domenica, si sfideranno al Maracanà per la conquista della Coppa America. Sarà quindi una giornata consacrata al calcio e, tornando in Europa, una sfida imperdibile per la quale l'attesa cresce di ora in ora, al punto che a Londra un biglietto è arrivato a costare 40mila sterline. Mentre in Inghilterra non si parla d'altro e, da Kensington Palace, i Duchi di Cambridge William e Kate, presenti ieri a Wembley, twittano "che partita, che risultato! Un grande lavoro di squadra, Inghilterra. L'intero Paese sarà dietro di voi domenica", chiudendo il cinguettio con l'hashtag "ItsComingHome", a Roma ci si augura di vivere una notte magica.

Una vittoria dell'Italia scatenerebbe l'entusiasmo generale di un paese che nell'epoca della pandemia ha sofferto fin troppo e ora sogna una nottata di follia tricolore e di allegria generale, quella che solo il calcio riesce a dare. Così a Roberto Mancini e ai suoi spetta il compito di riportare in parità le sorti azzurre nelle finali che valgono l'Europa: finora l'Italia ne ha giocate tre, vincendo nel 1968 a Roma contro la Jugoslavia e perdendo nel 2000 al 'golden gol' contro la Francia e nel 2012 a Kiev contro la Spagna. A sostenere gli azzurri arriverà da Roma il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e non si può che riandare con il pensiero alla notte di Madrid 1982 e all'esultanza di Sandro Pertini al Bernabeu e alla gioia più contenuta di Giorgio Napolitano a Berlino nel 2006.

Dalla porte opposta, oltre a William e Kate, ci sarà di nuovo Boris Johnson, vestito con la maglia bianca dei tre leoni durante la semifinale e pronto a ripetere la vestizione nel segno della scaramanzia e di una passione che farà di Wembley una bolgia. All'interno della quale dovrà mantenere la freddezza e la lucidità necessarie l'olandese Bjorn Kuipers, l'arbitro più ricco del mondo in quanto proprietario di una catena di supermercati e con un patrimonio stimato di oltre 12 milioni di euro. La sua prestazione, dopo quella del connazionale Makkelie nella semifinale tra gli inglesi e la Danimarca, sarà tenuta particolarmente d'occhio, sperando che diriga una partita priva di sospetti, e non come l'unica finale giocata (e vinta) finora dagli inglesi, quella dei Mondiali in casa del 1966. Assieme a Kuipers designati, come assistenti Var, l'altro olandese Van Boekel e il tedesco Gittelman, già nel gruppo alla moviola in occasione della semifinale di ieri.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie