Auto: Evi (Verdi), 'bene Consiglio Ue, pessimo Cingolani'

'Livello di ambizione preservato, sconfessato governo italiano'

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 29 GIU - "Tiriamo un sospiro di sollievo rispetto alla posizione del Consiglio, che avrebbe potuto sicuramente essere peggiore, ma non si può negare che l'accordo raggiunto sia pieno di deroghe, scappatoie e concessioni". Lo dichiara l'eurodeputata dei Verdi Eleonora Evi, co-portavoce nazionale di Europa Verde alla decisione del Consiglio Ue sullo stop alla vendita di auto e furgoni a motore a combustione entro il 2035.

"Resta il fatto che il livello di ambizione generale sia stato preservato, sconfessando il Governo italiano e cestinandone gli ostinati tentativi di perpetuare la vendita di veicoli inquinanti, con buona pace di Cingolani", prosegue Evi.

"Ma il quadro del nostro Paese rimane desolante, con un'Italia rappresentata da un ministro che dà man forte alle lobby, supporta apertamente Giorgetti e di fatto ostacola quella transizione ecologica che il suo ministero dovrebbe invece promuovere. Al tavolo dei negoziati difenderemo l'ambizione della proposta perché non si torni indietro, respingendo le prevedibili azioni delle lobby", conclude la nota. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: