Italia-Brasile: 'da agroalimentare opportunità bilaterali'

Amb. Azzarello, 'effetti positivi anche su ambiente e turismo'

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Le complementarietà dei settori agroalimentari di Italia e Brasile e le opportunità commerciali e scientifiche bilaterali sono state illustrate dall'Ambasciatore d'Italia Francesco Azzarello in un'intervista sul canale televisivo tematico brasiliano Band AgroMais.

Il Brasile, insieme agli Usa, è il più grande produttore ed esportatore mondiale dei settori agroalimentare e zootecnico.

"L'agroalimentare - ha affermato l'Ambasciatore - rappresenta il 15% del Pil italiano ed il 23,5% di quello brasiliano. Nel 2020 entrambi i Paesi hanno aumentato le rispettive esportazioni, generando surplus commerciali".

"L'agroalimentare è parte della cultura e dello stile di vita italiano - ha proseguito Azzarello - con positivi effetti sull'ambiente e sul turismo", aggiungendo che la già ottima cooperazione scientifica ha spazi di consolidamento grazie anche all'esperienza di istituzioni del livello della Embrapa brasiliana.

Nell'intervista, durata mezzora, si è parlato anche di agro-energia e bio-economia circolare, produzione di biogas anche come fertilizzante naturale, della struttura familiare delle proprietà agricole italiane, di investimenti e potenziali complementarietà commerciali, sfruttando la tradizione, tecnologia e macchinari italiani, nonché le diverse stagionalità dei due emisferi. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: