Via libera del Parlamento al regolamento per gli appalti internazionali

Strumento promuove pari reciprocità con Paesi extra Ue

Redazione ANSA

STRASBURGO - Via libera definitivo dal Parlamento europeo al nuovo strumento Ue per gli appalti internazionali pensato per incoraggiare l'apertura del mercato globale degli appalti. Gli eurodeputati hanno approvato con 554 voti a favore 7 contrari e 14 astenuti la relazione sull' International Procurement Instrument (Ipi), un regolamento che introduce delle misure per limitare l'accesso agli appalti pubblici Ue alle aziende non europee i cui governi non consentono alle imprese europee di partecipare alle loro gare d'appalto pubbliche.

Il testo votato dall'aula infatti è stato pensato per promuovere la reciprocità negli appalti internazionali e mira ad aprire i mercati protetti ed a porre fine alla discriminazione contro le imprese dell'Ue nei paesi terzi. L'Ipi si applicherà alle gare d'appalto del valore minimo di 15 milioni di euro per opere e concessioni, ad esempio la costruzione di strade o ponti, e di 5 milioni di euro per beni e servizi, come l'acquisto di computer. Le amministrazioni aggiudicatrici inoltre saranno obbligate a prendere in considerazione i requisiti sociali, ambientali e lavorativi nella valutazione delle offerte.

Il testo dispone infine che qualora la Commissione constatasse l'esistenza di barriere nel mercato degli appalti pubblici di un paese terzo da cui proviene un'offerta, le misure Ipi possono assumere la forma di una penalità applicabile sul prezzo o tramite la riduzione del punteggio per l'offerta in questione. La proposta di Regolamento verrà ora trasmessa al Consiglio Ue per l'adozione formale. Il regolamento entrerà in vigore il sessantesimo giorno successivo alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale Ue.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie