L'accesso a salute sessuale e riproduttiva sia universale

Commissione donne deplora che alcuni Paesi Ue vietino aborto

Redazione ANSA

BRUXELLES - Gli eurodeputati chiedono agli Stati membri Ue di proteggere e rafforzare la salute e i diritti sessuali e riproduttivi delle donne.

Nel progetto di relazione approvato dalla commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere con 27 voti favorevoli, 6 contrari e 1 astensione, si sottolinea che il diritto alla salute, in particolare alla salute sessuale e riproduttiva, è un diritto fondamentale delle donne che dovrebbero essere rinforzato e non può essere sminuito in nessuna circostanza.

Gli eurodeputati sottolineano che le violazioni di questo diritto costituiscono una forma di violenza contro donne e ragazze e ostacolano il progresso verso l'uguaglianza di genere.

I deputati sottolineano infine che alcuni Stati membri hanno ancora leggi molto restrittive che vietano l'aborto, tranne in circostanze rigorosamente definite, che costringono le donne a ricorrere ad aborti clandestini o a portare a termine la gravidanza contro la loro volontà, il che "costituisce un violazione dei loro diritti fondamentali". Pertanto, esortano tutti gli Stati membri a garantire l'accesso universale a un aborto sicuro e legale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie