Uffizi, una mostra virtuale di autoritratti per celebrare artiste

Da Angelika Kaufmann a Patti Smith, 27 opere di grandi donne

Redazione ANSA

UFFIZI PER LA FESTA DELLA DONNA, SUL SITO LA MOSTRA SUGLI AUTORITRATTI DELLE ARTISTE: DA ANGELICA KAUFFMANN A PATTI SMITH

Una mostra virtuale per celebrare l’8 marzo, con 27 opere di altrettante grandi artiste dal Settecento ad oggi Domani per tutte le donne ingresso gratuito nella Galleria delle Statue e delle Pitture, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli Nel giorno della Festa della Donna, una mostra virtuale dedicata alla collezione degli Uffizi di autoritratti delle artiste; sul sito web del museo prende avvio la pubblicazione di schede online al fine di rendere questo tipo di opere sempre disponibili a tutti; per tutte le donne, infine, ingresso libero l’8 marzo alla Galleria delle Statue e delle Pitture, a Palazzo Pitti e nel Giardino di Boboli. Queste le iniziative messe in campo dagli Uffizi per celebrare la giornata della festa delle donnei.

   L’ipervisione, intitolata Artiste agli Uffizi. Autoritratti di donne nelle collezioni delle Gallerie, sarà visitabile su www.uffizi.it/ipervisioni a partire dalla mattina dell'8 marzo. Pensata come omaggio del museo a tutte le donne, accompagna il visitatore virtuale alla scoperta delle storie di artiste e dei loro diversi linguaggi espressivi in una carrellata che, non a caso, parte dalla fine del XVIII secolo, quando due pittrici si imposero sulla scena internazionale grazie al loro eccezionale talento, determinazione e capacità imprenditoriale: Angelica Kauffmann e Elisabeth Vigée Le Brun. Da questo scorcio di fine Settecento, singolari storie di donne si dipanano per tutto il secolo successivo: l’essere artista donna diviene sempre meno un evento eccezionale o l’esercizio privato previsto nell’educazione della ‘signorina’ di buona famiglia, ma diventa una vera e propria professione. Nel corso del Novecento, le storie delle artiste accompagnano tutti gli eventi storici e i movimenti ideologici e culturali che hanno contraddistinto il Secolo Breve. Tra urgenze di rottura e bisogno di appartenenza, con una creatività finalmente libera ed estesa alla pratica di qualsiasi genere e tecnica (dalla pittura alla fotografia, dalla poesia visiva all’happening), le autoritratte degli Uffizi offrono tante e diverse storie di affermazione del sé, in un mondo che, ancora oggi, spesso è declinato al maschile. Quasi 30 le opere incluse in questa galleria di immagini: tra le artiste (auto)rappresentate, oltre ad Angelika Kauffmann e a Elizabeth Vigée Le Brun, anche Elisabeth Chaplin, Adriana Pincherle, Niki de Saint Phalle, fino ad arrivare alle contemporanee Vanessa Beecroft, Patti Smith, Yayoi Kusama. Gli autoritratti di artiste popoleranno progressivamente la sezione ‘Opere’ del sito web degli Uffizi: sarà dunque possibile consultare leschede descrittive e le immagini delle opere realizzate dalle artiste selezionate e navigare in una galleria virtuale alla scoperta delle donne che, nei secoli, hanno lasciato traccia di sé in un’opera (o più) della collezione degli Uffizi. Ed intanto l'8 marzo  La settima Lettera, tiktoker che racconta sul social storie di donne creando clip in cui interpreta le protagoniste narrate indossando anche abiti d'epoca, vestirà i panni della pittrice francese dell'Ottocento Rosa Bonheur, il cui autoritratto è custodito in galleria, e ne spiegherà sul canale degli Uffizi la vita e l’arte. Il direttore Eike Schmidt: “Se ancora nel secolo dei Lumi l’autoritratto di una donna pittrice poteva sembrare una forma di sfida alle convenzioni sociali, dal Novecento in poi la grandezza delle artiste e il loro diritto di studiare e di produrre arte diventa via via normalità. Comunque è di una donna, Anna Seymour Damer, il primo autoritratto in scultura – una vera e propria rivoluzione! - che entrò nelle celebri collezioni degli Uffizi, addirittura alla fine del Settecento. È in marmo, dunque fatto con scalpello e mazzuolo: un simbolo della forza dell’arte al femminile”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie