Test superati per il razzo Starship della SpaceX

Accensioni statiche delle nuove versioni dei motori Raptor

Redazione ANSA

Superati con successo i test ai nuovi motori di Starship il gigantesco sistema di trasporto spaziale della SpaceX, ideato per aprire una nuova fase di missioni spaziali, verso la Luna e Marte. I test, condotti nella base in Texas, hanno permesso di testare i nuovi motori Raptor che nei prossimi mesi dovranno portare la mega-navetta Starship a completare il primo volo in orbita.Nelle stesse ore in cui in Florida un razzo Falcon 9 metteva in orbita con un successo un nuovo gruppo di satelliti Starlink per servizi di connessione internet nella base di Boca Chica (Texas), i tecnici dell’azienda fondata da Elon Musk hanno completato con successo una prima fase di accensioni statiche, ossia l’accensione dei motori mantenendo ancorato il razzo sulla piattaforma di lancio, del sistema Starship composto dal grande razzo chiamato Super Heavy e dalla navetta Starship. Entrambi hanno collaudato l’accensione dei nuovi motori Raptor, più evoluti dei precedenti, che saranno usati nel prossimo primo lancio, che dovrebbe avvenire entro marzo 2023.

Sono stati test parziali, poche decine di secondi e di solo su alcuni dei tanti motori che spingeranno il razzo, ma fondamentali per la prosecuzione nello sviluppo di questo sistema trasporto, che potrebbe rivoluzionare l’esplorazione spaziale. La navetta Starship potrebbe essere il sistema usato per la futura discesa di persone sulla Luna nell’ambito di Artemis e più in generale ambisce ad abbattere ancor di più i costi dei trasporti spaziali e dare il via esplorazioni umane finora solo teorizzate, come i viaggi verso Marte. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA