Covid, super Green pass non convince gli indecisi: prime dosi sono l'8% del totale

Ancora nessun effetto prospettiva Super Green Pass

Redazione ANSA ROMA

Il super Green pass ancora non smuove gli ultimi esitanti al vaccino. Il 30 novembre su 401.900 dosi totali incolulate in un giorno, solo 31.829 sono state le prime dosi rispetto alle 348.863 terze dosi (booster).

Negli ultimi 45 giorni, inoltre, le terze dosi la fanno da padrone, rappresentando ben l'87% di tutti i vaccini effettuati; solo l'8% delle iniezioni sono prime dosi, "segno di un'incertezza ancora dilagante tra gli esitanti al vaccino". Il resto dei vaccini sono seconde dosi e pregresse infezioni che danno accesso al green pass con una unica dose. E' quanto emerge dal report settimanale dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell'Università Cattolica (Altems).

"È dallo scorso 9 agosto - ha spiegato il direttore di Altems, Americo Cicchetti - che non superavamo la soglia delle 400mila somministrazioni giornaliere di vaccino anti Covid-19, registrando un numero di somministrazioni pari a 407.540, soglia superata nuovamente lo scorso 30 novembre registrando il valore di 401.900 somministrazioni". Questo dato, inoltre, continua Cicchetti, "mostra che la spallata all'aumento delle prime dosi data dal super green pass che avremo attivo dal prossimo lunedì 6 dicembre ancora non è avvenuta, effetto riscontrato, invece, nell'obbligatorietà del green pass lo scorso 6 agosto".

Il report (oggi la sua 76/ma puntata) delinea poi il quadro epidemiologico, evidenziando un aumento dell'incidenza settimanale, con un valore nazionale pari a 125 ogni 100.000 residenti (in aumento rispetto ai dati del 22/11, pari a 99 ogni 100.000 residenti). Se si considerano poi tutti i positivi (casi già positivi all'inizio del periodo più nuovi casi emersi nel corso del periodo) nell'intervallo di tempo considerato (22-28 novembre), si registrano 1.612 casi ogni 100.000 residenti, il valore massimo registrato in Italia. Per la letalità grezza (deceduti/positivi) il dato più elevato si registra in Friuli-Venezia Giulia pari a 3,65 x 1.000 e in Umbria pari a 2,86 x 1.000. La mortalità grezza (deceduti/popolazione) vede ancora il dato più alto in Friuli-Venezia-Giulia (2,92). In Italia, poi, l'indice di positività al test è pari al 17,30%: risulta positivo, dunque, circa 1 paziente su 6 nuovi soggetti testati, in aumento rispetto alla settimana precedente. Infine per gli ingressi in terapia intensiva il valore medio registrato nel contesto italiano è pari a 0,66 x 100.000 abitanti in aumento rispetto ai dati del 22/11 (pari a 0,56).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA