IAA, Mercedes-AMG GT 63 S E Performance: prestazioni da F1

Prima ibrida della divisione sportiva con le tecnologie da corsa

Redazione ANSA Monaco

La prima ibrida Performance di Mercedes-AMG si avvia alla produzione di serie attingendo alle tecnologie di Formula 1. Il concept prevede una speciale configurazione della trazione ibrida, con motore elettrico e batteria sull'asse posteriore e una batteria High Performance sviluppata appositamente. Con la sua speciale catena cinematica, Mercedes-AMG GT 63 S E Performance coniuga una potenza superiore e una dinamica di marcia straordinaria con la massima efficienza. Il modello E Performance proietta così il Dna della Driving Performance AMG nel futuro elettrificato.
    La combinazione di V8 biturbo da 4,0 litri e motore elettrico fornisce una potenza complessiva di 620 kW (843 CV) e una coppia massima che supera i 1.400 Nm. La risposta immediata del motore elettrico sull'asse posteriore, la rapida erogazione di coppia e la migliore ripartizione del peso rendono possibile una nuova esperienza di guida, caratterizzata da un grande dinamismo. Come nella Formula 1, la batteria è dimensionata per erogare e accumulare potenza in tempi rapidi. I 12 Km di autonomia elettrica concedono un'utile libertà di movimento, ad esempio in città o nelle zone residenziali.
    Il design espressivo con cofano motore molto ribassato sulla parte anteriore, corpo muscoloso, parte superiore dell'abitacolo piatta e coda fastback imponente rivela il Dna sportivo del coupé a quattro porte. Spicca la caratteristica grembialatura anteriore, che si ispira alla linea della due porte AMG GT.
    Esteticamente si presenta come un insieme unico, che si inserisce in modo omogeneo nel design sportivo della vettura. Le griglie delle prese d'aria esterne sono più ampie e si protendono con una forma più appuntita verso la parte centrale dell'auto. Tre alette verticali convogliano il flusso d'aria verso i radiatori nei passaruota.
    Nella coda, le caratteristiche distintive sono la grembialatura posteriore con sportello della presa di corrente integrato e la denominazione del modello su sfondo rosso.
    L'ibrida AMG si distingue anche per le mascherine trapezoidali con scanalature esterne per i doppi terminali di scarico.
    Lateralmente, la targhetta «E Performance» sul parafango richiama l'attenzione sulla trazione ibrida. Come per tutta la serie, anche per la versione ibrida è disponibile un'ampia gamma di vernici e di equipaggiamenti.
    Ponendosi come nuova ammiraglia della Serie, AMG GT 63 S E PERFORMANCE vanta un equipaggiamento molto fornito. Dispone infatti di tutti gli aggiornamenti introdotti con l'ultimo restyling, come l'assetto Ride Control+ AMG con nuovo sistema di sospensioni. La dotazione di serie comprende anche la versione adattata dei freni ceramici in materiale composito AMG ad alte prestazioni e il sistema multimediale MBUX con indicazioni specifiche per la trazione ibrida.
    A bordo di AMG GT 63 S E Performance, il V8 biturbo da 4,0 litri è affiancato da un motore elettrico sincrono ad eccitazione permanente, da una batteria High Performance sviluppata ad Affalterbach e dalla trazione integrale 4MATIC+ Performance AMG con ripartizione della coppia variabile. La combinazione di V8 biturbo da 4,0 litri e motore elettrico fornisce una potenza complessiva di 620 kW (843 CV) e una coppia massima totale di oltre 1.400 Nm. Altrettanto estreme sono le prestazioni su strada di quella che è la vettura di serie più potente mai prodotta ad Affalterbach: l'auto accelera da 0 a 100 km/h in soli 2,9 secondi, arriva ai 200 km/h in meno di dieci e continua la progressione finché non tocca i 316 km/h.
    Il motore elettrico da 150 kW (204 CV) è alloggiato sull'asse posteriore, dove è integrato in una Electric Drive Unit (EDU) compatta insieme al cambio a due rapporti a innesto elettrico e al differenziale autobloccante a gestione elettronica. Gli esperti chiamano questa configurazione ibrida "P3". Anche la batteria High Performance è alloggiata nella coda, sopra l'asse posteriore. Questa configurazione compatta ha numerosi vantaggi.
    Il motore elettrico agisce direttamente sull'asse posteriore e può quindi convertire subito la sua potenza in forza motrice, fornendo l'effetto boost in partenza, in accelerazione o nei sorpassi. Esso inoltre interviene per sua natura con tutta la coppia a sua disposizione, consentendo una particolare agilità alla partenza.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie