Rolls-Royce Ghost, 685 CV dopo la 'cura' Spofec

Ancora più potente e con nuovo design esclusivo

Redazione ANSA MILANO

Se la Rolls-Royce Ghost è già l'interpretazione più sportiva dell'iconico marchio, con la 'cura' Spofec diventa una supercar. Progettisti e i tecnici della società specializzata in elaborazioni e il cui nome deriva dal simbolo di Rolls-Royce, ovvero la 'statuetta' Spirit of Ecstasy da sempre sul cofano delle auto britanniche, ha sviluppato una gamma di personalizzazioni che conferiscono alla Ghost dinamiche di guida ancora più sportive e un aspetto ancora più 'esagerato'. Dopo la 'cura', il motore biturbo a dodici cilindri della Ghost tocca i 685 CV di potenza e un picco di coppia di 958 Nm. Questo si traduce anche nella riduzione del tempo per passare da 0 a 100 km/h a soli 4,5 secondi. La velocità massima, però, rimane limitata a 250 km/h.
   

Per abbinare le dinamiche di guida migliorate, Spofec ha pensato anche ad un design ancora più energico per la Ghost, con componenti di carrozzeria in carbonio tra lo sportivo e l'elegante. Le ruote forgiate Spofec hanno un diametro di 22 pollici e sono sviluppate in collaborazione con il produttore statunitense di cerchi Vossen. Il modulo di sospensioni Spofec abbassa l'altezza di marcia della berlina di lusso di circa 40 millimetri. Nuova anche la mappatura per iniezione e accensione, programmate appositamente dopo una serie complessa di test.
    Spofec ha anche sviluppato uno scarico sportivo in acciaio inossidabile con alette di scarico controllate attivamente.
    Questo particolare consente al conducente di selezionare una nota di scarico decisamente discreta o molto potente, direttamente dall'interno dell'abitacolo tramite telecomando.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie