Audi con Nunam per riuso batterie e-Tron in risciò elettrici

Startup indiana promuove seconda vita celle con finalità sociali

Redazione ANSA ROMA

 Anche se rifinito con grande cura e verniciato con colori insoliti per il tipo di veicolo, a vederlo da lontano sembra un qualsiasi risciò (o rickshaw se vogliamo scriverlo in inglese) cioè uno dei tanti tre ruote - ispirato alla mitica Ape Piaggio - che in Asia risolvono moltissimi problemi di trasporto di cose e di persone. Poi, da vicino, si scopre la presenza di un contenitore, bene segnalato, per batterie elettriche nella parte del guidatore. E, soprattutto, si identificano nel frontale i Quattro Anelli del marchio Audi uniti alla scritta 'powered by'.
    E' la testimonianza concreta che la Casa di Ingolstadt sta lavorando proficuamente con la startup indiana Nunam per installare moduli batteria utilizzati nelle e-Tron di prova e poi dismessi in fonti di energia per risciò elettrici, una seconda vita perfettamente in sintonia con i temi del rispetto ambientale e dell'economia circolare.
    In India, scrive il Wall Street Journal, i risciò elettrici sono già comuni ma sono quasi sempre alimentati da batterie al piombo che hanno una durata inferiore rispetto ai moduli agli ioni di litio dei veicoli elettrici Audi e, soprattutto, sono molto dannosi per l'ambiente se non smaltiti correttamente.
    Questo interessante progetto è gestito da una startup no-profit con sede a Berlino e a Bangalore è finanziata dalla Audi Environmental Foundation che appoggia Nunam dal 2019. Fino ad oggi sono stati sviluppati tre prototipi in collaborazione con il team di formazione presso il sito Audi di Neckarsulm prelevando le batterie da veicoli di sviluppo della flotta Audi e-Tron.
    "Le vecchie batterie sono ancora estremamente potenti - ha affermato Prodip Chatterjee, co-fondatore di Nunam - e se usate in modo appropriato nella seconda vita possono avere un impatto enorme, aiutando le persone in situazioni di vita difficili a guadagnare un reddito e ottenere l'indipendenza economica tutto in modo sostenibile", Secondo Chatterjee "per i veicoli con autonomia e requisiti di potenza inferiori, nonché con un peso complessivo più basso, sono estremamente promettenti. Nel nostro progetto di seconda vita, riutilizziamo le batterie delle e-Tron nei risciò elettrici cercando di scoprire quanta energia possono ancora fornire in questo caso".
    Ma non è tutto: i rivoluzionari risciò elettrici Audi Nunam saranno messi a disposizione di un'organizzazione senza scopo di lucro che li forniranno a donne in per trasportare in modalità 100% eco - e senza bisogno di intermediari - le loro merci al mercato per la vendita.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie