Mercedes Benz ad Auto e Moto d'Epoca 2021

Sotto i riflettori storia elettrificazione e lunga tradizione sw

Redazione ANSA ROMA

L'impegno nell'elettrificazione dei modelli e la lunga tradizione delle station wagon caratterizzano la presenza di Mercedes-Benz ad Auto e Moto d'Epoca, in programma dal 21 al 24 ottobre alla Fiera di Padova.
    "Come da tradizione, torniamo a Padova con un format che ha riscosso grande successo nelle passate edizioni e ci ha permesso di avvicinare al mondo del Classic appassionati sempre più giovani", ha dichiarato Francesco Martella, Presidente del Mercedes-Benz Registro Italia. "Il parallelismo tra passato e presente ci permette, infatti, di raccontare a tutto tondo l'evoluzione dell'automobile, mettendone in luce le valenze tecniche, stilistiche e sportive, ma anche sociali e culturali." Sotto i riflettori la 190 E Elektro, un'auto sperimentale, 100% elettrica, alimentata da una batteria al sodio-cloruro, che nel 1990 segnava il primo passo verso una moderna concezione di mobilità a zero emissioni. Lunghi anni di ricerca e sviluppo hanno portato oggi al debutto della EQS, la nuova ammiraglia full electric firmata Mercedes-EQ, che proprio a Padova fa una delle sue prime apparizioni davanti al pubblico italiano.
 

Mercedes Benz ad Auto e Moto d'Epoca 2021 di Padova

   Design e cambiamento socio-culturale caratterizzano, invece, la storia delle station wagon della Stella, rappresentate a Padova dalla S 123 e la S 124. Proprio nel nel 1977, infatti, tenuto a battesimo con la sigla costruttiva S123, fa il suo debutto il Modello T, la prima station wagon di moderna concezione, sviluppata ed ufficialmente prodotta dalla Casa di Stoccarda. Una pietra miliare del Marchio che segna un punto di rottura con il passato. Una nuova interpretazione del concetto delle grandi auto con il portellone e spiccate doti funzionali. Nel settembre 1985 fece l'esordio la S124 che rimase in produzione fino al 1996.
    Non più auto da lavoro come venivano considerate in Italia o seconda auto di famiglia per portare i Baby Boomer, come erano considerate in America, ma un vero status symbol, lo specchio di uno stile di vita dinamico e ricercato. Un'evoluzione di cui si fa oggi ambasciatrice a Padova la nuova Classe C station wagon, che rinnova il successo di questo modello attraverso un forte upgrade tecnologico, un design ancora più sportivo e una gamma di motorizzazioni di ultima generazione, esclusivamente ibride.
 

190 E Elektro
Nel maggio del 1990, alla Fiera di Hannover, nella sezione ‘Innovazione’ Mercedes-Benz espose un modello 190 (W 201) convertito alla trazione elettrica, la 190 E Elektro. L'obiettivo di questa ‘research car’ era valutare l'idoneità funzionale di tutti i componenti in situazioni realistiche con tutte le vibrazioni, le accelerazioni e le variazioni di temperatura sperimentate nel funzionamento quotidiano. Le 190 Elektro sono state utilizzate per provare diverse configurazioni di guida e sistemi di batterie. I dispositivi di accumulo di energia testati erano principalmente batterie sodio-cloruro di nichel o sodio- zolfo ad alta energia, con una densità di energia significativamente maggiore rispetto alle classiche batterie al piombo. Tuttavia, la temperatura di lavoro di entrambi i sistemi era di circa 300 gradi Celsius. In meno di un anno vi furono ulteriori, importanti cambiamenti e, nel marzo 1991, Mercedes-Benz presenta al Salone di Ginevra un veicolo ancora più evoluto. La cartella stampa pubblicata in occasione del Salone, sottolineava i due principali vantaggi della 190 con la trazione elettrica: "L'auto conserva i suoi cinque posti con uno spazio effettivo quasi invariato e le tradizionali caratteristiche di sicurezza Mercedes-Benz ". Ciascuna delle ruote posteriori del veicolo presentato a Ginevra era alimentata da un proprio motore a corrente continua alimentato da magneti permanenti con una potenza di picco di 16 kW (22 CV) ciascuna, quindi la potenza di sistema era di 32 kW (44 CV). L'energia veniva fornita da una batteria al sodio-cloruro di nichel e la frenata rigenerativa forniva energia alla centralina durante le azioni di frenata. Uno degli highlights del concept era l'eliminazione di componenti meccanici ad alta intensità di peso, quindi il peso aggiuntivo rispetto a un veicolo di serie con un motore a combustione era di soli 200 chilogrammi. La ricerca sulle auto elettriche ha conosciuto in quel periodo un periodo di particolare attenzione a seguito delle leggi approvate in California, ad esempio, per introdurre veicoli a zero emissioni. Mercedes-Benz non è stato l'unico produttore a fare passi in questa direzione. Dal 1992 in poi, alcuni test sono stati condotti sulla costa tedesca del Mar Baltico: una prova sul campo su larga scala ha avuto luogo sull'isola di Rügen ed è proseguita fino al 1996. Il governo tedesco ha finanziato il progetto con 60 milioni di DM. Lo scopo delle sperimentazioni era testare i veicoli elettrici e i sistemi energetici, comprese le batterie, nella pratica quotidiana. Sono state coinvolte un totale di 60 autovetture e furgoni di diverse marche. Mercedes-Benz inviò a Rügen dieci berline della serie W 201, adattate a Sindelfingen con varie combinazioni di motore elettrico e batteria. Durante i test sul campo erano disponibili speciali stazioni di ricarica tramite collettori solari, al fine di testare l’impatto ambientale in modo coerente, perché solo l'elettricità da fonti rinnovabili può essere considerata completamente CO2 neutral. Queste avveniristiche 190 sono stati guidate da diversi driver durante i test sull'isola di Rügen: tra questi differenti tipologie di utenti, compresi i tassisti, li hanno usati nella normale vita di tutti i giorni. Uno dei veicoli è stato utilizzato in modo particolarmente intenso e ha raggiunto un tasso di utilizzo massimo di circa 100.000 chilometri in un anno. I risultati hanno fornito nuove, importanti indicazioni sulla durata della batteria, il numero di possibili cicli di scarica e carica, l'autonomia, il consumo energetico e l'affidabilità. Negli anni successivi Mercedes-Benz applicò il concetto di azionamento elettrico anche ad altri modelli. Rimane la domanda sul perché i veicoli elettrici si stiano affermando solo ora e perché non siano decollati sulla base dei progetti dell'epoca. Durata della batteria, autonomia, riciclaggio, infrastruttura di ricarica e prezzo del veicolo sono solo alcune delle parole chiave evidenziate in un comunicato stampa Mercedes-Benz della primavera del 1991 quali sfide che avrebbe dovuto affrontare la mobilità elettrica nella strada verso la produzione in serie. Molte delle risposte a queste domande sono disponibili solo oggi, come si può vedere dalla gamma di veicoli ibridi offerti da Mercedes-Benz e, naturalmente, dal marchio Mercedes-EQ. Progetti come il 190 con la trazione elettrica hanno contribuito a fornire queste risposte. Tutte le informazioni e i dati acquisiti dagli esperti negli anni '90 hanno contribuito al pool completo di conoscenze sullo sviluppo dei veicoli da cui attingono gli ingegneri nello sviluppo dei veicoli di oggi. Inoltre, alcuni degli ingegneri che hanno lavorato alla W 201 con la trazione elettrica sono ancora attivi nello sviluppo dei veicoli elettrici dell'azienda e sono quindi coinvolti negli ultimi progetti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie