1000 Miglia 2021, Mercedes celebra il mito di Stirling Moss

A Brescia la 300 SLR numero 722 dei record imbattuto nel 1955

Redazione ANSA BRESCIA

Come sempre signifcativa la presenza della Mercedes alla Mille Miglia 2021, con la iconica 300 SLR numero 722 di Stirling Moss e con la 300 SL Gullwing che sarà in gara guidata dal presidente e Ceo di Mercedes-Benz Italia Radek Jelinek.
    Sulle strade della 'Corsa più bella del mondo' - si legge nella nota della Casa tedesca - non potevano mancare "le icone della Stella a Tre Punte, con Mercedes-Benz Classic che rende omaggio ad uno degli uomini più rappresentativi nella storia del motorsport, Sir Stirling Moss, il cui nome e leggenda sono legati in maniera indissolubile alla Casa di Stoccarda".
    A Brescia, a salutare idealmente i partecipanti sulla linea di partenza ci sarà, infatti, l'esemplare originale della 300 SLR con cui l'equipaggio composto da Moss e Jenkinson vinse la Mille Miglia del 1955 con un record rimasto nella storia della competizione. L'auto numero 722 vinse la gara - allora di velocità - con un record mai eguagliato coprendo le 1.000 miglia da Brescia a Roma e ritorno, in sole 10 ore, 7 minuti e 48 secondi, con una velocità media di 157,65 km/h.
    Un'impresa che rimarrà scritta per sempre nella storia dello sporto motoristico, frutto della combinazione tra una coppia di piloti straordinari e un'automobile sorprendente. La Mercedes 300 SLR era spinta da un motore Grand Prix a 8 cilindri, 3,0 litri elaborato per erogare 310 Cv e permettere con una velocità massima di oltre 300 km/h.Prima della sua passerella sulla linea di partenza della 'Corsa più bella del mondo', la '722' sarà esposta a Brescia al Museo Mille Miglia fino a mercoledì 16 giugno.
    Nato a Londra il 17 settembre del 1929 Stirling Moss è scomparso il 12 aprile dello scorso anno all'età di 90 anni.
    Aveva disputato come pilota ufficiale Mercedes nel 1955 sia il Campionato del mondo Sport-Prototipi che il Campionato del Mondo di Formula 1, rispettivamente al volante della 300 SLR e della W 196 R.
    Quell'anno Moss nelle sei gare del Campionato del mondo Sport-Prototipi, vinse non solo la 1000 Miglia, ma anche il RAC Tourist Trophy nell'Irlanda del Nord insieme a John Fitch e la Targa Florio in Sicilia con Peter Collins, vittorie che consentirono a Mercedes-Benz di aggiudicarsi il campionato di poco davanti a Ferrari. Nel Campionato del Mondo di Formula 1, Stirling Moss celebra la prima delle sue 16 vittorie nei GP il 16 luglio 1955 proprio in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna disputatosi ad Aintree. Arriva invece secondo nei Gran Premi del Belgio e dei Paesi Bassi.
    Anche se non si laureerà mai Campione del Mondo di Formula 1, Moss è stato sicuramente un pilota straordinario e di successo.
    Nel 1955, 1956, 1957 e 1958 è vice-campione di Formula 1 e conquista il terzo posto negli anni dal 1959 al 1961. La sua carriera termina il 30 aprile del 1962 a seguito di un incidente avvenuto mentre era alla guida di una Lotus durante la '100 Miglia di Goodwood'. All'età di 32 anni Stirling Moss decise così di terminare la sua carriera di pilota di auto da corsa e diventa brand ambassador di Mercedes-Benz, guidando fino in età avanzata le 'sue' vetture della collezione Mercedes-Benz Classic. La frase che amava ripetere spesso era "sono sempre stato orgoglioso di appartenere alla famiglia Mercedes-Benz".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie