People

Il principe Carlo replica a Harry, fondi reali fino all'estate 2020

Nuovi veleni a corte. Ma palazzo cela ombre su equità razziale

Carlo replica a Harry, fondi reali fino all'estate 2020 © EPA
  • Redazione ANSA
  • LONDRA
  • 25 giugno 2021
  • 11:15

Nuova puntata nelle recriminazioni incrociate al veleno fra i duchi di Sussex e la corte britannica dopo lo strappo di Harry e Meghan dalla famiglia reale, il loro trasferimento negli Usa e le polemiche che ne sono seguite.
    Stavolta a mettere i puntini sugli i è lo staff del principe Carlo, bersaglio di non poche critiche a mezzo stampa da parte del suo secondogenito negli ultimi mesi, che nel presentare i conti ufficiali del palazzo - inclusa la distribuzione dei fondi destinati ai vari membri della dinastia controllata direttamente dall'erede al trono - ha in qualche modo smentito (o almeno corretto) i due 'ribelli'.

- Leggi anche Il Principe Filippo celebrato a Windsor

    Stando ai dati riferiti da Clarence House, residenza di Carlo, viene precisato che Harry e Meghan hanno ricevuto finanziamenti significativi fino all'estate del 2020 dopo aver annunciato la scelta d'abbandonare lo status di membri senior della Royal Family nel gennaio precedente e averla messa in pratica da marzo: una precisazione in parziale contrasto con quanto affermato da Harry nella recente intervista esplosiva a Oprah Winfrey sulla Cbs americana sul fatto che i Windsor lo avessero "tagliato fuori" economicamente da marzo: dopo "il primo trimestre".

- Leggi anche Un nuovo libro sulla faida Harry e William
    In effetti, replica un portavoce di Clarence House - pur negando di voler "riconoscere differenze sostanziali" fra le due versioni e ammettendo che dall'estate i Sussex non hanno incassato più una sterlina diventando davvero "finanziariamente indipendenti" dalla corte, come sostengono - a gennaio 2020 il principe Carlo stabilì di continuare a versare loro una quota del fondo reale per "la transizione". Non senza puntualizzare carte alla mano che tale quota sarebbe stata versata dopo marzo altri tre mesi fino a un ammontare di 1,2 milioni complessivi per l'anno fiscale (contro i 4,5 milioni versati al principe William, fratello maggiore di Harry e secondo nella linea di successione alla corona, e a sua moglie Kate con famiglia).
    Il botta e risposta con i Sussex sembra peraltro anche un buon espediente per lasciare in secondo piano sui media un altro aspetto - imbarazzante per la corte di San Giacomo - emerso dalla pubblicazione dei conti. Ossia, la destinazione di non più dell'8,5% delle spese per il personale a dipendenti appartenenti a minoranze etniche, a dispetto del fatto che queste rappresentino il 13% della popolazione odierna del Regno, con un incremento lieve che lo stesso Buckingham Palace ammette esser stato insufficiente. Mentre resta in ombra pure il calcolo sui costi totali del cosiddetto Fondo Sovrano, finanziato dal denaro dei contribuenti britannici a favore di casa Windsor e pesato sulle casse pubbliche per 87,5 milioni di sterline negli ultimi 12 mesi certificati: 18,1 milioni in più dell'anno precedente malgrado i contraccolpi della pandemia da Covid sul Paese.
   

  • Redazione ANSA
  • LONDRA
  • 25 giugno 2021
  • 11:15

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie