Eni: bioraffineria Livorno, sindaci e sigle per tavolo Mise

Chiesto incontro con lettera a Todde

Redazione ANSA LIVORNO
(ANSA) - LIVORNO, 25 MAG - Una lettera al viceministro dello Sviluppo Economico Alessandra Todde e per conoscenza al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani è stata inviata questa mattina dal sindaco di Livorno Luca Salvetti e quello di Collesalvetti Adelio Antonini, insieme ai sindacati livornesi di Filctem, Femca e Uiltec per sollecitare una nuova convocazione al ministero sulle prospettive dello stabilimento Eni di Stagno e in particolare sulla realizzazione di una bioraffineria. Tutti i presenti all'ultimo tavolo permanente per il futuro dello stabilimento, come si legge oggi in una nota del Comune di Livorno, hanno riconosciuto l'esigenza di avere notizie in merito all'incontro tra Mise, Mite ed Eni, proposto dal viceministro in occasione della riunione al Mise del 9 marzo scorso, sulla possibilità di promuovere la realizzazione di una bioraffineria nello stabilimento livornese. "I firmatari della lettera - si legge nella nota - chiedono quindi nuovamente, dopo la loro lettera del 4 aprile scorso, notizie in merito, e chiedono altresì una riconvocazione al Mise sulle prospettive della raffineria".

Allo stesso tempo l'assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Livorno Gianfranco Simoncini ha provveduto a informare i segretari nazionali di Filctem Cgil, Marco Falcinelli, Femca Cisl, Nora Garofalo, e Uiltec Uil Paolo Pirani dell'invio della lettera, chiedendo di valutare un intervento anche da parte loro. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA