Energia: Regina, più gas italiano per categorie ad alto consumo

Redazione ANSA TORINO
(ANSA) - TORINO, 23 MAG - "Stiamo operando in un contesto complesso, in cui abbiamo un Paese molto esposto sul fronte del debito pubblico e ci siamo trovati ad affrontare le conseguenze energetiche della guerra in Ucraina con un ministero in affanno, che ha oltre 160 decreti applicativi che devono ancora essere emanati. In questo quadro il capitolo prezzi è stato il più difficile da affrontare". Lo ha sottolineato Aurelio Regina, presidente del gruppo Energia di Confindustria, intervenuto in collegamento alla tavola rotonda 'Le prospettive dei mercati energetici', organizzata al Consorzio San Giulio, società per i servizi energetici di Confindustria Novara Vercelli Valsesia.

"Al tema prezzi - ha detto Regina - si è aggiunto il capitolo relativo alla sicurezza degli approvvigionamenti: se la Russia bloccasse il gas saremmo in ginocchio e si dovrebbero fare politiche di razionamento. E poi abbiamo il capitolo transizione energetica, su cui l'Unione europea si muove come se gli altri due capitoli non esistessero".

"Come mettere in piedi una politica energetica che nel breve ci spinge verso i rigassificatori, che una volta realizzati non serviranno più - ha osservato - è solo un esempio di quanto sia complesso mettere insieme politiche di breve periodo con obiettivi di medio e lungo. Sul capitolo prezzi abbiamo chiesto interventi al Governo, sul tema sicurezza degli approvvigionamenti sollecitiamo una maggiore produzione di gas italiano da destinare alle categorie ad alto consumo. E sulla sicurezza stiamo lavorando per stabilire le priorità qualora si arrivi a una fase di razionamento". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA