Cop27: Cat, espansione Gnl mette a rischio target 1,5%

Emissioni sforerebbero limiti 2030 di 1,9 miliardi di tonnellate

Redazione ANSA ROMA

L'espansione della produzione di Gas naturale liquefatto a seguito della crisi energetica mette seriamente a rischio l'obiettivo di mantenere il riscaldamento globale entro 1,5 gradi. Lo ha reso noto il gruppo indipendente di ricerca scientifica Climate Action Tracker (Cat) alla Cop27 di Sharm el-Sheikh, in occasione della Giornata dedicata alla Scienza. Secondo il Cat, gli impianti di Gnl in costruzione e i piani di espansione potrebbero aumentare le emissioni a 3,1 miliardi di tonnellate di CO2 all'anno nel 2030, 1,9 miliardi sopra il limite di 1,2 ritenuto necessario dalla Iea per arrivare a zero emissioni nel 2050.

Climate Action Tracker spiega che, secondo l'Agenzia internazionale per l'energia (Iea, organismo dell'Ocse), per raggiungere l'obiettivo di zero emissioni nel 2050, l'uso mondiale del gas nel 2030 deve essere del 30% sotto il livello del 2021. Invece, secondo i progetti di estrazione elaborati a seguito della crisi energetica e la guerra in Ucraina, l'aumento di produzione del Gnl potrebbe raggiungere nel 2030 i 500 milioni di tonnellate, quasi 5 volte le importazioni di gas dell'Unione europea dalla Russia nel 2021 e oltre il doppio delle esportazioni totali russe. Come conseguenza di questa corsa al metano, tra il 2020 e il 2050 le emissioni complessive da Gnl potrebbero essere più alte di oltre 40 miliardi di tonnellate di CO2, circa il 10% del budget di carbonio rimanente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA