Campania

Calcio, col Giappone in gioco la finale

Domani col Giappone azzurrini Arrigoni si giocano una medaglia

(ANSA) - NAPOLI, 10 LUG - Novanta minuti per una medaglia.
    Domani, stadio Arechi, ore 21: l'appuntamento è con l'Italia del calcio di Daniele Arrigoni che si gioca la finale con il Giappone detentore del titolo (oro a Taipei 2017), e ultimo ostacolo prima della finale, dopo aver battuto in fila Messico, Ucraina e Francia. "Una grande soddisfazione - spiega il commissario tecnico della nazionale italiana Arrigoni - la rivalità con i francesi è sempre sentita, abbiamo lavorato per questo sopperendo anche alla difficoltà di esserci allenati tutti assieme assai meno di altre nazionali. Ora ci sono i nipponici, che da due anni si preparano per questo obiettivo. Ma noi giochiamo in casa, a casa nostra, con un pubblico che mi auguro numeroso e che finora ci ha trascinato. E quindi nulla è scontato, ci crediamo". Filippo Strada, autore del gol contro la Francia in piano recupero che è valso l'ingresso tra le prime quattro, è di professione trequartista come papà Pietro, idolo della Salernitana negli anni Novanta. Si presenta all'Arechi per ricordare ai tifosi salernitani le magie paterne: "Sarà un'emozione indescrivibile giocare nello stadio che ha reso grande mio padre. Mi ha fatto vedere su YouTube centinaia di volte le immagini di quella grande Salernitana. E dovremo contare sul pubblico per battere il Giappone, sono forti ma giocano a casa nostra..".
    A sostenere gli azzurri ci pensa anche un altro ex granata, Rino Gattuso. "Domani tutti all'Arechi a sostenere gli azzurrini che incontreranno il Giappone": è l'invito di 'Ringhio' ai tifosi salernitani. Gattuso - che ha giocato una stagione nella Salernitana (1998/99) - lancia un appello per la giovane Nazionale Universitaria che si sta conquistando simpatia e consensi a suon di vittorie: 3 su 3.
    "Giocheremo contro la squadra favorita per la vittoria finale delle Universiadi - le parole di Gattuso -. Aiutiamoli con il tifo, facciamo sentire ai ragazzi della Nazionale il calore. Io lo so quanto i tifosi siano importanti per chi gioca. Che gioia potremmo provare insieme. Subito dopo potremo puntare all'oro.
    L'Arechi diventi il luogo sacro del successo per i veri italiani. Sono studenti universitari e grandi giocatori, io sono con loro e in bocca al lupo, consumate tutte le energie che avete! Ne vale la pena: lo fate per il tricolore". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie