Danni a Forte Machaby, risarcimento a Comune Arnad

Solaio crollò dopo lavori, accordo da 155 mila euro

La giunta comunale di Arnad ha approvato una transazione a suo favore di 155 mila euro nell'ambito del giudizio civile davanti al tribunale di Aosta per i lavori di ristrutturazione del Forte di Machaby.
    Nel 2016 l'amministrazione comunale si era rivolta alla magistratura sostenendo che "a seguito di errori nella progettazione, nella direzione dei lavori e nella realizzazione delle opere di ristrutturazione del Forte di Machaby, poi erroneamente collaudato, si era determinato il crollo di un solaio e lesioni strutturali a tutto l'immobile, con la conseguente inutilizzabilità della struttura, e conseguenti danni al gestore". Intanto il gestore aveva citato a giudizio il Comune, chiedendo "il risarcimento dei danni patiti a seguito della chiusura della struttura"; l'ente pubblico, a sua volta, aveva chiamato in causa il progettista e direttore lavori, il collaudatore e l'impresa.
    La consulenza tecnica d'ufficio aveva in un primo momento portato a stralciare la posizione del gestore, risarcito con 38.000 euro. In seguito è arrivata la proposta di transazione accettata dalla giunta comunale e dalle altre parti, assicurazioni comprese: 62 mila euro a carico dell'impresa, 77 mila 462 euro del progettista e direttore lavori, 15 mila 492 euro del collaudatore.
    "La proposta formulata dal Ctu - si legge nella delibera del Comune - scorpora, rispetto all'importo già speso dall'amministrazione per lavori eseguiti in somma urgenza, una parte connessa a migliorie nelle opere eseguite in somma urgenza rispetto a quelle oggetto del contratto, considera, poi, che se le opere fossero state progettate correttamente, il relativo costo originario sarebbe, comunque, stato maggiore, e rileva come la presenza di umidità non era stata mitigata da interventi della pubblica amministrazione e comporta l'assunzione, in capo all'ente, del pagamento, già effettuato, del danno subito dal gestore". 
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie