Cpel, ok a delibere su fondi integrativi welfare

"Regione copra spese nidi se trasferimento fosse insufficiente"

L'assemblea del Cpel ha dato parere favorevole all'unanimità a tre proposte di delibera della giunta regionale (a una delle quali sono state aggiunte osservazioni) riguardanti fondi integrativi per il welfare valdostano.
    La prima ha riguardato un incremento di 100 mila euro per l'acquisto di servizi connessi all'inserimento nelle comunità socio-educative per minori 'Maison d'accueil', 'Petit Foyer', 'La Ruche' e nel gruppo appartamento per giovani adulti 'Primo volo', a copertura dei maggiori costi a carico degli enti gestori per il rispetto delle misure di sicurezza prescritte per fronteggiare l'emergenza da Covid-19.
    La delibera inerente l'integrazione del Piano regionale per la lotta alla povertà 2018/2020 prevede un fondo di 100 mila euro.
    "Si tratta - ha spiegato Ronny Borbey, sindaco di Charvensod e responsabile politico della Consulta 'Politiche sociali, istruzione e cultura' - di finanziamenti erogati dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali alla Regione per un serie di interventi relativi al Fondo povertà, riferiti sia al reddito di cittadinanza, sia al reddito di inclusione. Le risorse possono essere destinate anche al finanziamento di eventuali costi per l'adeguamento dei sistemi informativi dei comuni, singoli o associati, necessari a garantire i livelli essenziali, nonché degli oneri per l'attivazione e la realizzazione dei progetti utili alla collettività, e quelli derivanti dalle assicurazioni presso l'Inail e per responsabilità civile dei partecipanti ai medesimi progetti".
    Unanime parere favorevole con osservazioni è stato votato in merito all'approvazione, per il biennio 2019/2020, del Piano di azione annuale per la promozione e il sostegno del sistema dei servizi per la prima infanzia, per un totale di risorse disponibili pari a 5 milioni 459 mila 852,75 euro. Mauro Lucianaz, presidente dell'Unité des Communes Grand-Paradis e coordinatore della Conferenza dei presidenti delle Unités, ha sottolineato "la necessità che, qualora il trasferimento per l'anno 2020 non risulti sufficiente a coprire tutte le spese sostenute dagli enti pubblici gestori, sia l'amministrazione regionale a garantire, entro il 2021, la disponibilità economica necessaria". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie