Umbria
  1. ANSA.it
  2. Umbria
  3. La Giunta informa
  4. Ferrovie: Melasecche, confermato Frecciarossa a Orte

Ferrovie: Melasecche, confermato Frecciarossa a Orte

"Servizio entrato nelle abitudini di migliaia di viaggiatori"

(ANSA) - PERUGIA, 11 GIU - "E' confermato definitivamente il Frecciarossa 1000 che da Orte porta a Milano Centrale in poco più di tre ore". E' quanto afferma l'assessore regionale ai Trasporti, Enrico Melasecche.
    "Quando circa un anno fa - prosegue l'assessore - l'impegno delle Regioni Lazio ed Umbria nei confronti del gruppo Ferrovie dello Stato portarono a rompere una sorta di incantesimo che vedeva penalizzati centinaia di migliaia di cittadini che vivono in quell'area altrettanto importante fra Umbria e Lazio, in particolare tutti gli abitanti delle province di Terni, Viterbo e Rieti, ma anche gran parte della fascia centrale umbra serviti dalla Roma-Ancona, non pochi furono coloro che irrisero tale conquista, frutto di un lavoro intenso ma soprattutto di una volata finale in cui la diplomazia inter istituzionale ha giocato un ruolo decisivo. Poi i fatti hanno dato ragione a chi ha creduto fermamente in quell'obiettivo e, mese dopo mese, è andato aumentando il numero degli utenti che ormai ritengono quel treno indispensabile per i propri trasferimenti di lavoro, studio o svago verso la capitale economica del Paese".
    "Conclusa la prima fase sperimentale - spiega Melasecche - si consolida oggi quel servizio che è ormai entrato nelle abitudini di migliaia di viaggiatori. C'è stata quindi solo una breve sospensione delle prenotazioni ma il biglietto anche in queste ore è possibile acquistarlo in treno mentre dal 19 giugno prossimo verrà ripristinata la possibilità definitiva di prenotazione on-line".
    "Finisce in un bicchier d'acqua - commenta l'assessore - una possibile tempesta estiva che rischiava di sollevare polemiche infinite soprattutto da parte dei soliti mestatori di turno.
    Ringrazio il collega della Regione Lazio che si è adoperato in tal senso ed anche Trenitalia che ha dato la massima disponibilità per accelerare le pratiche per la conferma del servizio. Molti sono infatti gli umbri che con l'acquisto del biglietto contribuiscono a ridurre l'impegno economico di quel treno a mercato. Un respiro di sollievo per tutti coloro che lo usano. Un treno - dice Melasecche - di cui continuo a consigliare l'uso in alternativa all'auto anche e soprattutto per consolidare definitivamente questa offerta. Di certo l'obiettivo dell'Umbria e delle province confinanti è quello di estendere l'accesso all'Alta Velocità realizzando ad Orte una stazione apposita sulla Direttissima, analoga alla Medio Padana di Reggio Emilia, come la Medio Etruria al confine con la Toscana, ma su questo stiamo lavorando convinti che certe conquiste siano indispensabili per rompere definitivamente l'isolamento dell'Umbria, innanzitutto ferroviario ma anche, ove esiste ed è grave, stradale, con buona pace di quattro negazionisti, l'un contro l'altro armati, legati a logiche di economia curtense ed ad una visione auto referenziale quanto assistenzialistica da turbo reddito di cittadinanza". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie