Umbria
  1. ANSA.it
  2. Umbria
  3. La Giunta informa
  4. Giornata api: Morroni, Umbria un territorio all'avanguardia

Giornata api: Morroni, Umbria un territorio all'avanguardia

Nuove azioni a tutela degli impollinatori e della biodiversità

(ANSA) - PERUGIA, 20 MAG - Ad un anno preciso dalla firma del "Patto per la sostenibilità", sottoscritto con il mondo agricolo il 20 maggio 2021 e con il quale era stato sancito un impegno per avviare un percorso verso un'unica strategia regionale in materia, l'assessorato alle Politiche agricole e agroalimentari, alla tutela e valorizzazione ambientale della Regione Umbria ha voluto fare il punto per capire cosa fatto e per annunciare le iniziative regionali da mettere in campo.
    E sempre in occasione della "Giornata mondiale delle api", nella sede della Scuola umbra di amministrazione pubblica a Villa Umbra di Pila, è stato quindi fatto un bilancio delle attività già intraprese, e quelle in progress, per la tutela degli impollinatori e la salvaguardia della biodiversità.
    L'intenzione, come ha sottolineato l'assessore Roberto Morroni, "è quello di non rimanere sul piano delle buone intenzioni, ma di agire su quello pratico per dare sostanza al percorso". Con l'obiettivo, ha aggiunto, "di fare dell'Umbria un territorio all'avanguardia su questi temi, un territorio privilegiato che si distingue per le pratiche di sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale ma anche economico e sociale".
    Durante l'evento per comunicare e promuovere la cultura del rispetto per l'ambiente, c'è stata così l'illustrazione del lavoro fatto già dal "Tavolo tecnico apistico" per la tutela dell'ape autoctona e per una convergenza degli obiettivi di qualità, salubrità e identità della specie e della produzione del miele umbro, con interventi anche dei rappresentanti delle associazioni agricole (Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Copagri) e apistiche (Apau, Naturalmiele, Cooperativa apicoltori Gubbio-Gualdo Tadino, Aes-Apicoltura etica e solidarietà).
    Per l'occasione è stata così ricordata, da parte dell'assessore Morroni, l'importanza del patto di alleanza firmato un anno fa, "una pietra miliare di un percorso che sancisce unità e condivisione di intenti e azioni a salvaguardia delle api e degli altri impollinatori, il cui ruolo è fondamentale per le colture alimentari e il mantenimento della biodiversità".
    Tra i momenti della giornata c'è stata poi la presentazione di un nuovo format video della Regione Umbria, dal titolo "Fattore produttivo" (realizzazione tecnica a cura di Kolorado) dedicato alla biodiversità, quale progetto pilota di una serie televisiva di educazione ambientale che andrà in onda sulle reti locali da settembre. Il concept della serie - è stato spiegato - sviluppa temi specifici collegati al Psr Umbria.
    Anche l'arte, inoltre, si è prestata come forma di educazione ambientale. È stata così presentata un'opera artistica ideata in esclusiva dall'artista Massimiliano "MaMo" Donnari, donata alla Regione Umbria quale "Manifesto della sostenibilità".
    Sono state poi ricordate e illustrate le altre iniziative della Regione per la tutela degli impollinatori e della biodiversità.
    Tra queste, l'istituzione di "Zone di rispetto" intorno agli allevamenti di api regine, il miglioramento del sistema di formazione rivolto agli utilizzatori di fitofarmaci, le iniziative divulgative attraverso campagne di comunicazione o la partecipazione ad eventi territoriali, l'attivazione delle procedure per il riconoscimento e il ristoro dei danni causati da eventi calamitosi, a partire dalla gelata dell'aprile 2021, oltre all'adesione ai progetti "Bee safe" per salvare le api e impollinatori nel Parco nazionale dei Monti Sibillini e "Bee net" finanziato dal ministero al fine di monitorare lo stato delle api da miele.
    Il comparto apistico umbro messo in difficoltà dai cambiamenti climatici - è stato infine ricordato - ha conosciuto nello scorso anno un aumento del 4,3% degli apicoltori, ma allo stesso tempo una diminuzione del 7,8% degli alveari. A sostenerlo e rafforzarlo, l'Ocm Miele, lo "strumento più importante" che la Regione usa per dare contributi al settore, con un incremento di risorse - dai 186mila euro del 2019 agli oltre 290mila euro della campagna regionale 2022 - finalizzate a migliorare la qualità del miele e dei prodotti apicoli e favorire la diffusione delle api.
    Azioni e sostegni economici proseguiranno con l'attuazione del Piano strategico della PAC 2023/2027, mirati a supportare buone pratiche in apicoltura, migliorare l'attività di impollinazione e tutelare la biodiversità. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie