Umbria
  1. ANSA.it
  2. Umbria
  3. La Giunta informa
  4. Afor, migliorati servizi senza pesare sui costi

Afor, migliorati servizi senza pesare sui costi

Per Tesei "obiettivo è agire attraverso buona amministrazione

(ANSA) - PERUGIA, 21 OTT - "Mantenuti e migliorati i servizi senza pesare sui costi a carico dei cittadini, tagliando le spese superflue, recuperando inoltre i rapporti con il territorio e gli enti locali che ora hanno maggiore fiducia ad investire sui servizi dell'Agenzia": sono questi, a metà mandato, alcuni dei risultati ottenuti dall'Agenzia forestale regionale (Afor), una delle società partecipate dalla Regione.
    Con l'obiettivo di diventare, sempre più, "punto di riferimento nel verde pubblico regionale per i lavori di alta specializzazione".
    Traguardi raggiunti e progetti futuri sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Donini.
    "L'obiettivo è di agire attraverso una buona amministrazione e l'Agenzia forestale regionale può essere uno degli esempi più importanti", ha detto la presidente della Regione, Donatella Tesei, intervenendo insieme all'amministratore unico di Afor, Manuel Maraghelli.
    "La presentazione dell'attività dell'Afor - ha aggiunto - rientra nel lavoro di riorganizzazione delle società partecipate dalla Regione che sta dando i suoi buoni frutti. Stiamo ottenendo un miglioramento della qualità dei servizi erogati ai cittadini con un risparmio accertato fino ad oggi di circa due milioni di euro".
    Illustrando la "mission" che gli è stata indicata dalla Regione, Maraghelli ha ricordato che delle 10 sedi dell'Agenzia "non ne è stata chiusa e non ne sarà chiusa in futuro alcuna".
    "Perché - ha ribadito - vogliamo rimanere sul territorio". "Le criticità che abbiamo rilevato - ha proseguito - hanno riguardato il passaggio dalle Comunità montane all'Afor con una perdita importante di identità territoriale ed un notevole scollamento rispetto alle esigenze dei Comuni; un elevato costo della macchina burocratica ed un modesto livello di digitalizzazione; una disomogeneità territoriale nei procedimenti di erogazione dei servizi all'utenza e una manodopera operaia caratterizzata in generale da età elevata e limitazioni fisiche".
    In questi mesi di attività - è stato poi evidenziato dall'amministratore - Afor ha lavorato per pianificare e programmare i servizi "avviando un circolo virtuoso tra Comuni ed Afor come dimostra l'aumento delle convenzioni e deleghe con gli Enti locali del 30%" e per omogeneizzare le procedure rivolte all'utenza, "eliminando le disparità presenti per i cittadini delle diverse zone dell'Umbria". "Inoltre - ha aggiunto - l'importante modifica legislativa operata dalla Regione ha portato allo sblocco delle assunzioni che ha permesso l'immissione nei cantieri di giovani".
    Ora, l'obiettivo di qualificazione che Afor vuole raggiungere è anche quello della "Certificazione foreste demaniali" con Pefc Italia, creando pure una filiera del legno.
    "Il lavoro dell'Agenzia forestale - ha sottolineato ancora Tesei - è molto importante in un territorio come quello umbro.
    In tutti i settori di intervento, dall'antincendio alla cura e gestione del verde pubblico, dalla manutenzione di boschi e foreste fino agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico. E questo dobbiamo farlo sempre di più in sinergia con gli enti locali. A questo proposito attiveremo anche un confronto attraverso Anci per coinvolgere di più i comuni e, attraverso loro, essere più vicini ai cittadini anche informandoli sui possibili servizi che l'Agenzia è in grado di offrire". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie