Umbria
  1. ANSA.it
  2. Umbria
  3. A Spoleto grande danza, omaggio a Trisha Brown

A Spoleto grande danza, omaggio a Trisha Brown

dopo apertura con Pina Baush i capolavori maestra dell'astratto

Paolo Petroni (ANSA) - SPOLETO, 02 LUG - Dopo l'omaggio a Pina Bausch, con la sua ''Le sacre du printemps'' stravinskiana interpretata per la prima volta da danzatori africani, che ha aperto questa 65/ma edizione del Festival di Spoleto, ecco un altro ricordo di una grandissima ballerina e coreografa, Trisha Brown, scomparsa a 81 anni nel 2017, con la compagnia che ha ancora il suo nome e ne porta avanti l'eredità, impegnata l'1 e 2 luglio al Teatro romano in ''Astral converted'' e ''Working title'', poi domenica 3 luglio i suoi early works ''In plain site'' a Palazzo Collicola.
    Cresciuta, dopo il diploma, nella New York anni '60, dove dopo dieci anni fondò la Trisha Brown Dance Company, è stata anche apprezzata disegnatrice e artista grafica e la sua ricerca di un linguaggio originale legato a quel movimento astratto, che è uno dei punti forti della sua arte, si è svolta in contatto col mondo artistico, trovando ospitalità e presentazioni in gallerie e musei. Ecco allora che ''Astral coverted'' nato nel 1991 vede coinvolto nell'allestimento scenico e nei costumi Robert Rauschenberg, che sulla scena nuda pose solo alcune piccole costruzioni di metallo e vestì i danzatori con costumi molto aderenti, quasi una seconda pelle, argentei e traslucidi, a dar evidenza assoluta all'armonia delle forme del corpo, di cui tutta la coreografia esalta la mobilità e l'elasticità. La Brown ha ideato movimenti estremamente ginnici e eleganti assieme che vanno oltre gli stereotipi e il linguaggio codificato. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie