Nasce filiera corta carni selvaggina

Da progetto pilota EcoSelvoFiliera

(ANSA) - PERUGIA, 11 GIU - Si è posto l'obiettivo di valorizzare le carni di ungolati selvatici, in particolare cinghiale e capriolo, il progetto pilota di filiera corta delle carni di selvaggina EcoSelvoFiliera, realizzato nel corso delle stagioni venatorie 2018-2019 e 2019-2020. Tra gli scopi del progetto anche quello di contribuire a risolvere, in maniera sostenibile, il problema dell'eccessiva presenza di questi animali nelle campagne, e di garantire una maggiore sicurezza e trasparenza nel consumo di tali carni.
    Ad oggi, infatti, la grande quantità di carni e prodotti derivati di ungulati selvatici consumate in Umbria - viene spiegato in un comunicato - sembrerebbe provenire da altre regioni o, per la maggior parte, dall'estero, in particolare dall'est europa e dalla Nuova Zelanda. "Una filiera umbra garantita - ha detto Alessandro Monacelli, presidente dell'Eps Umbria, Ente produttori selvaggina e promotore del progetto - aiuterebbe a fronteggiare la concorrenza extra regionale e a recuperare competitività nel settore gastronomico locale".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie