12:50

Migranti: altro naufragio Libia, 6 morti

Portavoce Marina: 'Cinque sopravvissuti ricoverati in ospedale'

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GIU - I corpi di sei migranti sono stati recuperati sulle coste libiche all'altezza di Gianzur, una ventina di chilometri a ovest di Tripoli. Lo ha segnalato con un messaggio all'ANSA il portavoce della Marina libica, Ayob Amr Ghasem, lasciando intendere che si tratta di un nuovo naufragio rispetto a quelli segnalati negli ultimi giorni. "Cinque migranti sono stati salvati e trasferiti all'ospedale di Janzur.
    Sei corpi sono stati recuperati", ha scritto il portavoce.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

12:34

Migranti: 857 morti in mare nel 2018

Dati Oim, 520 vittime tentavano di giungere in Italia

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 20 GIU - Sono 40.073 i migranti arrivati via mare in Europa nel 2018 fino ad oggi (15.610 in Italia, 12.353 in Grecia e 12.063 in Spagna); le vittime delle traversate sono 857. Lo rileva l'Organizzazione internazionale per le migrazioni.
    Le persone morte mentre tentavano di arrivare in Italia sono 520, mentre 292 erano dirette verso la Spagna e 45 in Grecia.
    Sia il numero degli sbarchi in Europa che delle vittime di quest'anno sono in netto calo in confronto al 2017, quando se ne erano contati rispettivamente 72.152 e 3.139.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



12:21

Juncker,domenica vertice Ue sui migranti

Riunione a 7 a Bruxelles. Ci saranno Italia, Francia e Germania

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - BRUXELLES, 20 GIU - "Il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker ha convocato per domenica a Bruxelles una riunione di lavoro informale sui temi della migrazione e dell'asilo durante la quale lavorerà con un gruppo di capi di Stato e di governo degli Stati membri interessati per trovare soluzioni europee in vista del prossimo Consiglio europeo". Lo riferisce una nota della Commissione Ue.
    Si tratterà, secondo quanto appreso a Bruxelles, di un vertice a 7 con i leader di Italia, Francia, Germania, Spagna, Grecia, Bulgaria e Austria più i rappresentanti delle istituzioni Ue.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

12:19

Onu: Israele, Usa coraggiosi su Unhrc

Netanyahu, 'quel Consiglio è ossessivamente fissato su noi'

Chiudi  (ANSA)

(ANSAmed) - TEL AVIV, 20 GIU - Israele ringrazia il presidente Trump "per la coraggiosa decisione contro l'ipocrisia e le bugie del cosiddetto Consiglio dei diritti umani dell'Onu", l'Unhrc. Lo ha detto il ministero degli Esteri, retto dal premier Benyamin Netanyahu, dopo la decisione Usa della scorsa notte di lasciare l'organismo. "Invece che occuparsi dei regimi che sistematicamente violano i diritti umani - ha proseguito - quel Consiglio si è ossessivamente fissato con Israele, l'unica vera democrazia del Medio Oriente".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


12:11

Onu: Ue, Usa a rischio minare democrazia

Dopo decisione Washington ritirarsi Consiglio per diritti umani

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - BRUXELLES, 20 GIU - "La decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite rischia di minare il ruolo degli Usa come campione e sostenitore della democrazia sulla scena mondiale". Lo afferma in una nota il portavoce del servizio di azione esterna dell'Ue precisando che "l'Unione europea continuerà tuttavia a difendere i diritti umani e le libertà fondamentali, sia nelle sedi multilaterali o in tutto il mondo, anche cooperando con gli Stati Uniti ogniqualvolta possibile".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




11:49

Migranti, calo flussi verso Paesi Ocse

In Italia -34% nel 2017, in aumento dell'11% partenze

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - PARIGI, 20 GIU - "Per la prima volta dal 2011, i flussi migratori verso i Paesi dell'Ocse sono in leggera diminuzione, con l'ingresso di circa 5 milioni di migranti permanenti nel 2017 (contro 5,6 milioni ne 2016)": lo registra l'Ocse nel rapporto annuale sulle migrazioni pubblicato in occasione della Giornata Mondiale dei Rifugiati, invitando gli Stati membri a "basarsi sui nostri numeri, perché descrivono la realtà". In Italia il calo - sottolinea il rapporto - è stato ancora più marcato: "nel 2017, 119.000 migranti sono arrivati in Italia per via marittima, il 34% in meno rispetto al 2016 e il 22% in meno rispetto al 2015". "Questo calo - prosegue l'Ocse - segue gli accordi Italia-Libia firmati a inizio 2017 che limitano i flussi migratori di provenienza dall'Africa. Intanto "un numero crescente di italiani ha lasciato il proprio Paese": sono aumentati nel di oltre l'11 quelli che hanno dichiarato di aver trasferito la residenza all'estero, ma si stima che in realtà possano essere ancora di più.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Pubblicità