Le reazioni delle istituzioni allo sciopero dell'ANSA

Da Fico alla Carfagna a Rosato, ecco le prese di posizione

 Dal presidente della Camera Roberto Fico ai vicepresidenti delle Aule Parlamentari sono molti i commenti dei rappresentanti delle istituzioni allo stop dei cronisti dell'ANSA.

Fico, ANSA riferimento essenziale "Il lavoro che gli organi di informazione svolgono è fondamentale per la tenuta di una democrazia ed è un punto di riferimento essenziale per i cittadini. Da 75 anni l'ANSA svolge un ruolo di fonte primaria per l'Italia e per l'estero con professionalità e autorevolezza. È un vero patrimonio del nostro Paese. Dopo due giorni di sciopero oggi i giornalisti dell'agenzia riprendono l'attività. Esprimo loro la mia solidarietà e auspico che si possa trovare presto una soluzione condivisa alle difficoltà di questo momento". Lo afferma in una nota il presidente della Camera Roberto Fico. 

Carfagna, ANSA patrimonio per l'informazione
'Spero in accordo, indebolirla farebbe male a tutto il Paese'
"L' Agenzia Ansa rappresenta un patrimonio storico e importantissimo per l'informazione italiana. Mi auguro che si riesca presto a trovare un'intesa che riconosca il prezioso lavoro dei giornalisti ed eviti un indebolimento che farebbe male a tutto il Paese". Lo scrive la vicepresidente della Camera Mara Carfagna, deputata di Forza Italia, in un tweet diffuso durante lo sciopero dell'ANSA.

 Rosato, la cig all'ANSA è una scelta pericolosa
'Si chieda un tavolo al governo e si cerchino soluzioni'
"Pericolosa la scelta dell'agenzia ANSA di mettere i suoi dipendenti in cassa integrazione 4 giorni al mese fino a fine anno". Lo afferma Ettore Rosato, vicepresidente della Camera e presidente di Italia Viva, in una nota diffusa durante lo sciopero dell'ANSA.
"La prima preoccupazione è per i dipendenti che si vedranno tagliare le retribuzioni e poi, con questi tagli prospettati, sarebbe ANSA ancora in grado di fornire un servizio all'altezza? Per esempio il buon lavoro condotto nella lotta contro le fake news troverà continuita? - si domanda Rosato - Anche e soprattutto alla luce del momento che sta vivendo il nostro Paese, in cui il ruolo dell'informazione è quanto mai essenziale".
"Se c'è bisogno di studiare, come per altri settori del resto, delle misure di protezione da adottare in questa fase di pandemia - conclude Rosato - si chieda un tavolo al governo e si cerchino in quella sede soluzioni".

Rampelli, tavolo per scongiurare la cig all'ANSA
'L'Agenzia è pilastro della libera informazione di qualità'
"Ai giornalisti dell'Agenzia Ansa, pilastro della libera informazione di qualità, voglio fare un incoraggiamento: ci mancate ma non mollate. E' inaccettabile l'ormai consolidata abitudine degli editori di scaricare sulle redazioni i costi dei loro sbagli". Lo scrive il vicepresidente della Camera e deputato di Fratelli d'Italia Fabio Rampelli, in una nota diffusa durante lo sciopero dell'ANSA.
"Si chiede ai giornalisti, soprattutto quelli di agenzia, una continua formazione, supplementi di attenzione e rigore nel delirio dell'infodemia, si pretende da loro di girare video, tagliare e montare servizi, tutto senza riconoscimenti e incrementi economici. Ci saremmo aspettati dagli editori, in particolare oggi da quelli dell'ANSA, altrettanti sacrifici e comunque il riconoscimento della funzione speciale che i loro redattori svolgono".
"Se l'editoria è in crisi la responsabilità è prima di tutto delle proprietà. Ci si metta attorno a tavolo di confronto - conclude Rampelli - per scongiurare i licenziamenti, le casse integrazione e ritrovare lo spirito della ripartenza proiettati nel futuro".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie