Economia
  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. PMI
  4. Sicurezza stradale: Istat, in Toscana 190 morti nel 2021 (2)

Sicurezza stradale: Istat, in Toscana 190 morti nel 2021 (2)

(ANSA) - FIRENZE, 29 NOV - L'indice di mortalità dei soli incidenti notturni è pari a 2,0 decessi ogni 100 incidenti. Il valore più elevato si registra il venerdì notte (2,7). Nel 2021 si riduce in Toscana l'incidenza degli utenti vulnerabili per età (bambini, giovani e anziani), periti in incidente stradale, attestandosi su un valore prossimo alla media nazionale (43,2% contro 43,9%). Riguardo agli utenti vulnerabili secondo il ruolo che essi hanno avuto nell'incidente (conducenti / passeggeri di veicoli a due ruote e pedoni), il loro peso relativo (sul totale dei deceduti) misurato nella regione nel 2021 è superiore a quello nazionale (55,3% contro 50,9%). Sempre tra 2010 e 2021 l'incidenza di pedoni deceduti è stazionaria in Toscana (da 20,9% a 20%) mentre nel Paese è aumentata da 15,1% a 16,4%.
    I costi sociali dell'incidentalità stradale con lesioni alle persone è stimato in oltre 1,3 miliardi di euro (354 euro pro capite) per la Toscana; la regione incide per l'8% sul totale nazionale.
    La maggior parte degli incidenti stradali avviene tra due o più veicoli (70,8%); la tipologia di incidente più diffusa è lo scontro frontale-laterale (4.667casi, 44 vittime e 6.118 feriti), seguita dal tamponamento (2.362 casi, 11 decessi e 3.502 persone ferite). La tipologia di incidente più pericolosa è la fuoriuscita (3,7 decessi ogni 100 incidenti), seguono lo scontro frontale (3,1 decessi ogni 100 incidenti) e l'investimento di pedone (2,5 decessi ogni 100 incidenti). Gli incidenti a veicoli isolati risultano più rischiosi, con una media di 2,4 morti ogni 100 incidenti, rispetto a quelli che vedono coinvolti più veicoli (1,0 decessi).
    Nell'ambito dei comportamenti errati di guida, il mancato rispetto delle regole di precedenza, la guida distratta e l'assenza della distanza di sicurezza sono le prime tre cause di incidente (escludendo il gruppo residuale delle cause di natura imprecisata). I tre gruppi costituiscono complessivamente il 37,8% dei casi. Considerando solo le strade extraurbane, la guida distratta incide da sola per il 17,9% mentre l'assenza della distanza di sicurezza per il 13,3%. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      BANCA IFIS


      Modifica consenso Cookie