Borsa: Milano poco ottimista (+0,18%), tonfo di Unicredit

Bene le altre banche e le auto. Farmaceutici in difficoltà

(ANSA) - MILANO, 01 DIC - Ottimismo scarso per Piazza Affari (+0,18%) nella seduta d'inizio dicembre, in una giornata in cui le stime Ocse per il Pil italiano del 2020 sono di un -8,7%, con una crescita del 5,3% nel 2021, mentre l'Istat ha limato la crescita del terzo trimestre 2020 al 15,9%, con una previsione quindi di un -8,3% per fine anno. Calo intanto anche dell'indice Pmi manifatturiero a novembre, così come per l'Eurozona.
    Tonfo di Unicredit (-8%), dopo quello di quasi il 5% della vigilia, con in ballo la sostituzione dell'amministratore delegato, Jean Pierre Mustier. Bene, pur con lo spread in lieve salita a 120 punti, le altre banche, da Intesa *2,6%) a Bper (+1,4%) e Banco Bpm (+1,3%). Corsa di Mps (+3,7%) alla ricerca di una fusione, tiene Creval (+0,6%) alle prese con l'opa di Credit Agricole.
    Sprint di Stm (+4,5%), tra le migliori del comparto.
    Guadagnano Atlantia (+2,6%) col dossier Autostrade aperto, Azimut (+1,9%) e tra le assicurazioni Unipol (+1,8%) e Generali (+1%). Bene i petroliferi, da Tenaris (+1,5%) a Eni (+1,3%), non Saipem (-0,3%), col greggio in discesa (wti -1,2% a sera) a 44,7 dollari al barile in attesa di un responso dell'Opec Plus sull'eventuale prosecuzione dei tagli alla produzione. Bene Exor (+1,8%) e Fca (+1,2%) ancora prima dei dati delle immatricolazioni (+1,4% a novembre in Italia).
    Giornata difficile per i farmaceutici, da Diasorin (-2,4%) a Recordati (-1,8%). Male Amplifon (-3,5%) e Campari (-2,5%). Tra i titoli in rosso Enel (-0,6%), piatta Tim (-0,05%). (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie