Moto: Ducati raddoppia a Roma, ecco il nuovo store ufficiale

La casa di Borgo Panigale torna nella sede storica capitolina

Motori Due Ruote
Chiudi Moto: Ducati raddoppia a Roma, ecco il nuovo store ufficiale (ANSA) Moto: Ducati raddoppia a Roma, ecco il nuovo store ufficiale

Ducati raddoppia a Roma e riapre i battenti in una sede storica, quella di via Gregorio VII, che tutti gli appassionati delle rosse della Capitale ricordano. All'inaugurazione del nuovo punto vendita hanno preso parte anche Andrea Dovizioso, pilota della Ducati in MotoGp e attuale leader della classifica iridata, e l'AD di Ducati Motor Holding, Claudio Domenicali, alla guida del marchio dal 2013. "Siamo particolarmente felici perché torniamo in una sede storica del marchio, che abbiamo totalmente rinnovato portandoci tutta la nuova corporate identity, tutta la nuova immagine di Ducati", ha commentato l'amministratore delegato.

Il nuovo store, che si affianca a quello di via del Foro Italico, è in largo Oreste Giorgi, su via Gregorio VII, a due passi dal Vaticano e dal centro di Roma. Una scelta fortemente voluta dai vertici di Borgo Panigale, che puntano sulla vocazione 'urban' di una parte della gamma. "Ducati è cresciuta molto negli ultimi anni - spiega Domenicali -, e oggi è in grado di proporre un ventaglio di moto molto ampio, grazie anche a tutto il mondo Scrambler, che si presta tantissimo all'uso in città. E' per questo che essere vicini al centro è per noi un forte valore aggiunto: vogliamo dare la possibilità a tutti gli appassionati di moto romani non solo di venire a comprare direttamente da Ducati, ma di viversi lo spirito del marchio anche passando in concessionaria solo per due chiacchiere".

Accanto all'intera gamma Scrambler, in concessionaria è in bella mostra il top dell'offerta sportiva di Borgo Panigale, dalla Panigale 1299 R Final Edition, l'apice dello sviluppo del progetto bicilindrico, vittorioso in Superbike fin dal 1990, quando trionfò la 851 di Raimond Roche, fino alle Panigale V4 nelle versioni S e R. "La Ducati non può rinnegare le proprie origini e non ha alcuna intenzione di farlo - aggiunge Domenicali -: le sportive ad alte prestazioni restano il cuore della gamma, ma ci sono anche moto come la Multistrada, perfette per la gita fuori porta o per fare del turismo in due, o come la Diavel, che è sì una moto da città, ma appariscente e performante".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

I Crociati non facevano soltanto la guerra

Trovati in Libano i resti dei loro discendenti

Scienza & Tecnica News
Chiudi Miniatura del XIV secolo che illustra un combattimento durante la seconda Crociata (fonte: Wikipedia) (ANSA) Miniatura del XIV secolo che illustra un combattimento durante la seconda Crociata (fonte: Wikipedia)

I Crociati non fecero solo la guerra in Terra Santa, ma lasciarono anche discendenti tra le popolazioni locali, le cui tracce sono però scomparse negli attuali abitanti del Vicino Oriente. Lo dimostra l’analisi del Dna dei resti di nove scheletri trovati in Libano. I risultati sono pubblicati sull'American Journal of Human Genetics dal gruppo dell’Istituto britannico Wellcome Sanger coordinato da Chris Tyler-Smith.

Le analisi del Dna dimostrano, per esempio, che tra i Crociati non c’erano solo europei, ma abitanti del Vicino Oriente. Dei nove campioni analizzati, infatti, tre erano europei, quattro del Vicino Oriente e due avevano caratteristiche genetiche intermedie. “Tutti vissero e morirono fianco a fianco”, ha rilevato Tyler-Smith.

Secondo gli autori della ricerca, lo studio è un esempio di come l’analisi del Dna antico possa aiutare a comprendere meglio eventi storici in assenza di una documentazione completa. "Sappiamo, per esempio, che Riccardo Cuor di Leone partecipò alle Crociate, ma - ha spiegato Tyler-Smith - non conosciamo molto dei soldati comuni che vissero e morirono durante le Crociate. L’analisi di questi antichi campioni - ha concluso - può aiutarci a fare luce proprio su questi aspetti”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Arriva la motocicletta volante, viaggia anche su strada

Della francese Lazareth, 1.300 cavalli di potenza

Motori Due Ruote
Chiudi Lazareth LMV 496 – La moto volante (ANSA) Lazareth LMV 496 – La moto volante

L'impossibile diventa probabile: arriva la moto volante. Una piccola azienda francese, la Lazareth, ha infatti presentato la LMV496, una due ruote in grado di viaggiare indifferentemente su strada e in cielo.

Al momento, ovviamente, siamo ancora al concept. Ispirata alla LM847, è costruita in carbonio Kevlar per essere più leggera ed è dotata di un grande serbatoio che le consente un'autonomia di circa dieci minuti in volo. Sulla strada, invece, la LMV496 è una moto elettrica con cento chilometri di autonomia.

Impressionante la potenza necessaria per il decollo: circa 1300 cavalli per 2800 N di spinta, raggiunta grazie a una serie di turbine. Il passaggio dalla modalità strada alla modalità aereo avviene tramite un interruttore sul cruscotto, dove appaiono anche le informazioni di volo: velocità, altitudine, posizione, velocità della turbina.

Per ora, vista la modesta autonomia, si può andare al massimo a prendere un caffè con la motocicletta volante, ma in futuro chissà.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Arriva la luna rosa, pronta a ingannare la Pasqua

E' pPiena ma non realmente colorata, dà il via alle festività

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi La luna 'rosa' quest'anno segna l'arrivo della Pasqua (ANSA) La luna 'rosa' quest'anno segna l'arrivo della Pasqua

La sera di venerdì 19 aprile tutti con il naso all'insù per ammirare la luna 'rosa': si tratta di una speciale luna piena di primavera, definita così non perché appaia nel cielo come un disco colorato, ma perché secondo la tradizione dei nativi americani la sua comparsa era legata alla fioritura di una pianta selvatica che con i suoi petali tingeva di rosa il paesaggio. Per noi sarà altrettanto speciale perché secondo il calendario ecclesiastico è il plenilunio che segna l'arrivo della domenica di Pasqua.

Per convenzione, infatti, la festività cade la prima domenica dopo il plenilunio successivo all'equinozio di primavera: quest'anno l'equinozio si è verificato il 20 marzo e il plenilunio poche ore dopo, il 21 marzo. Verrebbe da pensare che Pasqua doveva dunque cadere domenica 24 marzo, e invece sarà il 21 aprile perché il calendario ecclesiastico pone per convenzione l'equinozio alla data del 21 marzo, pertanto il calcolo viene fatto a partire dalla Luna piena del 19 aprile.

Il nostro satellite raggiunge la fase di plenilunio il 19 aprile intorno alle 13:12, ma dall'Italia èosservabile dopo le ore 20, quando sorge al calare del Sole. Il disco lunare sarà ben visibile, perché saranno passati solo tre giorni dal perigeo, ovvero dal momento in cui la Luna ha raggiunto la sua minima distanza dalla Terra.

Lo spettacolo celeste continua anche la sera di Pasquetta: nella seconda parte della notte tra il 22 e il 23 aprile, come ricorda l'Unione Astrofili italiani (Uai), sarà possibile ammirare la congiunzione tra la Luna e Giove, nella costellazione dell'Ofiuco, non lontano dalla stella Antares dello Scorpione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Toyota Proace City, anteprima mondiale a Salone Birmingham

Disponibile in due lunghezze, potenza da 75 a 130 Cv

Motori Prove e Novità
Chiudi Toyota Proace City, anteprima mondiale a Salone Birmingham (ANSA) Toyota Proace City, anteprima mondiale a Salone Birmingham

Anteprima mondiale del nuovo Toyota Proace City il 30 aprile prossimo in occasione del Commercial Vehicle Show di Birmingham.

Il nuovo furgone compatto sarà disponibile in due versioni.

Nato dalla partnership con il Gruppo PSA, il Proace City entra a far parte della gamma Toyota dedicata al settore veicoli commerciali, a fianco del furgone di medie dimensioni Proace e del pick-up Hilux, arricchendo ulteriormente la presenza Toyota nel mercato 'LCV' in Europa, dove - secondo la Casa - dovrebbe raggiungere entro il 2021 vendite annuali pari a circa 900.000 unità.

Il nuovo furgone compatto sarà disponibile in due diverse lunghezze (Short da 4,4 metri e Long da 4,7 metri). La versione passeggeri sarà disponibile con 5 e 7 sedili su entrambe le varianti. La capacità di carico è pari a un volume massimo di 3,3 m3 (versione Short) e 4,3 m3 (versione Long con Smart Cargo). Con lo Smart Cargo la lunghezza di carico raggiunge un massimo di 3,1 metri per la variante Short e di 3,4 metri per la variante Long. La portata utile disponibile sulla versione Long è pari a una tonnellata. Il nuovo furgone potrà rimorchiare masse fino a 1.500 chilogrammi. Per il posteriore la versione Furgone prevede di serie 2 porte asimmetriche, mentre la versione Passenger, un portellone singolo con apertura verticale finestrato.

Le motorizzazioni, benzina e diesel, permettono di scegliere tra un ventaglio di opzioni che spaziano dai 75 ai 130 cavalli di potenza, oltre alla scelta tra cambio manuale a 5 o 6 rapporti oppure cambio automatico a 8 rapporti.

Il nuovo modello va così a completare la gamma Proace sia dal punto di vista delle dimensioni che in termini di portata.

Lanciato nel 2016, il Proace sta per raggiungere la quota del 5% del mercato LCV, con un ritmo che entro la fine dell'anno dovrebbe portare in Europa vendite pari a 30.000 unità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Suzuki richiama 2 milioni di veicoli per false ispezioni

Riguarda ben 29 modelli, inclusa la minicar Spacia. Perdita di 630 milioni di euro per l'anno fiscale 2018

Motori Sicurezza
Chiudi Suzuki richiama 2 milioni di veicoli per false ispezioni (ANSA) Suzuki richiama 2 milioni di veicoli per false ispezioni

 La Suzuki ha notificato al ministero dei Trasporti giapponese l'imminente richiamo di due milioni di veicoli, a causa di ispezioni difettose. Si tratta del maggior richiamo di sempre per la causa auto nipponica, e riguarda ben 29 modelli, inclusa la popolare minicar Spacia. Il problema è venuto alla luce a inizio mese, durante una investigazione condotta da avvocati esterni alla società, che avevano scoperto controlli sul sistema frenante e altre revisioni fatte da personale non autorizzato.

Suzuki ha detto che nell'anno fiscale 2018 iscriverà a bilancio una perdita di 80 miliardi di yen, circa 630 milioni di euro, per il costo degli accertamenti. L'industria automobilistica giapponese è stata coinvolta in diversi scandali sui controlli di qualità negli ultimi tempi. Nissan e Subaru sono solo gli ultimi due costruttori ad ammettere falsificazioni sulle verifiche dei dati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Esclusivo per i cinesi l'ibrido Jeep Grand Commander PHEV

Costruito in JV da GAC e FCA, ha 70 km di autonomia elettrica

Motori Prove e Novità
Chiudi Esclusivo per i cinesi l'ibrido Jeep Grand Commander PHEV (ANSA) Esclusivo per i cinesi l'ibrido Jeep Grand Commander PHEV

Lanciato esattamente un anno fa, il Grand Commander - primo modello Jeep progettato, concepito e costruito in Cina per i cinesi assieme al 'socio' GAC - allarga ora la sua offerta affiancando alle due motorizzazioni benzina 2.0 turbo da 235 e 264 Cv una inedita soluzione ibrida plug-in. Il debutto è avvenuto nella giornata dedicata alla stampa del Salone di Shanghai, suscitando grande interessa da parte della stampa locale che ha sottolineato come questo modello rappresenti di fatto un gesto di attenzione al mercato cinese, dove il mercato sta premiando solo i veicoli elettrificati ed elettrici, oltre che l'altissimo di gamma. Del suv Grand Commander PHEV non sono stati diffusi ancora i dati tecnici, e l'unica notizia che è trapelata è quella relativa alla autonomia in modalità 100% elettrica, attorno ai 70 km. Una cosa è certa: anche se in molti altri mercati c'è grande interesse per i suv a basso impatto ambientale, il Grand Commander PHEV non varcherà i confini della Cina.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Nuova diagnosi per la Gioconda

Monna Lisa non aveva problemi di tiroide

Scienza & Tecnica Scienza e arte
Chiudi La Gioconda, di Leonardo da Vinci (fonte: Wikipedia) (ANSA) La Gioconda, di Leonardo da Vinci (fonte: Wikipedia)

Il fascino enigmatico della Monna Lisa di Leonardo da Vinci ha sempre attratto anche la comunità scientifica, tanto che di recente le era stato diagnosticato un grave problema alla tiroide, noto come ipotiroidismo. Ora l'ipotesi viene smentita da Michael Yafi, del Centro di scienze della salute dell'Università del Texas a Houston (UTHealth), in un nuovo studio pubblicato sulla rivista internazionale di endocrinologia e metabolismo Hormones: secondo il ricercatore, il sorriso asimmetrico, l'assenza di sopracciglia e il colorito giallo della pelle non possono essere attribuiti alla malattia.

"Difendere l'affascinante Lisa Gherardini dipinta nel ritratto è per me una responsabilità personale", commenta Yafi, "perciò ho deciso di dare un secondo parere medico". Se la Monna Lisa avesse avuto la tiroide ingrossata, il suo collo sarebbe stato molto più tozzo. Inoltre molte delle donne ritratte dall'artista sono prive di sopracciglia, quindi anche questa caratteristica non può essere una prova.


Il dettaglio del sorriso di monna Lisa (fonte: Wikipedia)

 

Per quanto riguarda il colorito giallognolo della pelle, potrebbe essere dovuto semplicemente all'età dell'opera e alle vernici utilizzate. Infatti questo sintomo si manifesta solo in una fase avanzata della malattia, che tipicamente causa infertilità, mentre è noto che Lisa Geherardini ha partorito cinque figli, di cui uno solo pochi mesi prima di posare per il ritratto.

Infine il ricercatore ha esaminato il celebre sorriso della Gioconda che, secondo lo studio del 2018 pubblicato sulla rivista Mayo Clinic Proceedings, poteva essere un indizio di debolezza muscolare. "Di solito i danni ai tessuti muscolari dovuti all'ipotiroidismo sono molto gravi", sottolinea Yafi: "Vuol dire che la donna non avrebbe potuto neanche posare con la schiena dritta".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Agriturismo star del ponte di Pasqua

Coldiretti, piace il last minute

Terra & Gusto A tavola con ANSA
Chiudi Agriturismo star del ponte di Pasqua (ANSA) Agriturismo star del ponte di Pasqua

La vera star del ponte di Pasqua e Pasquetta è l'agriturismo dove si prevedono tra italiani e stranieri, almeno 1 milione di presenze a tavola con una aumento del 15%, rispetto allo scorso anno, spinto dalla voglia di stare all'aria aperta e alla ricerca del buon cibo. E' quanto emerge da una stima di Coldiretti sulla base delle indicazioni di Campagna Amica, favorita anche dal calendario di una Pasqua alta' in primavera avanzata.

Ma con l'80% degli italiani che secondo l'indagine Coldiretti/Ixe' a Pasqua cerca la tradizione a tavola, alle basi del successo dell'agriturismo c'è anche la possibilità di mangiare i piatti della cultura popolare locale, cucinati dagli agrichef, i cuochi contadini che utilizzano i prodotti da loro stessi coltivati in azienda.

Per la Pasqua, continua la Coldiretti, gli agriturismi rappresentano l'alternativa più vicina alla cucina casalinga, con la possibilità di gustare ricette conservate da generazioni nelle campagne. Nonostante le grandi richieste, la tendenza degli ospiti è ancora quella della prenotazione last minute, ma per scegliere l'agriturismo giusto la Coldiretti consiglia di preferire aziende accreditate da associazioni e di rivolgersi su internet a siti dove è possibile confrontare le diverse offerte.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Geoscienze news, alla ricerca dei rifiuti interrati

Il tg web di Ingv e Ansa dedicato alle scienze della Terra

Scienza & Tecnica Terra & Poli
Chiudi Al via Geoscienze News, tg web di Ingv e Ansa (ANSA) Al via Geoscienze News, tg web di Ingv e Ansa

Le tecniche per localizzare rifiuti e scorie interrati, insieme agli scarti di lavorazione industriale che inquinano terreno e falde: sono queste le protagoniste della nuova puntata di Geoscienze News, il TG web dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) realizzato in collaborazione con il canale Scienza&Tecnica dell'Ansa.

Da venti anni l'Ingv è attivo in questo campo, spiega Marco Marchetti, esperto di geofisica ambientale dell'Ingv. In questo periodo le tecniche di esplorazione del sottosuolo, diverse a seconda del tipo di rifiuti da localizzare, hanno permesso di individuare centinaia di siti. Nella puntata anche il consueto aggiornamento sui terremoti, con Luisa Valoroso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

A Milano il primo risotto solidale, in dono alla Caritas

Preparato dallo chef Eugenio Boer al Refettorio Ambrosiano

Terra & Gusto Cibo & Salute
Chiudi Risotto solidale a Milano (ANSA) Risotto solidale a Milano

Sarà realizzato a Milano il primo risotto solidale alla milanese. L'omaggio alla tradizione lombarda, con 25 kg di risotto, è preparato dallo chef Eugenio Boer al Refettorio Ambrosiano in occasione della Milano Food Week (2-8 maggio). L'iniziativa è realizzata da Just Eat nell'ambito del progetto Ristorante Solidale finalizzato dal 2016 a recuperare le eccedenze alimentari da alcuni ristoranti partner in favore di Caritas. L'attività di solidarietà ha l'obiettivo - spiega una nota - di sensibilizzare sul valore del cibo e sull'importanza di non sprecarlo e di sostenere persone in difficoltà aiutate da Caritas Ambrosiana. I 25 kg di risotto alla milanese, come omaggio alla città di Milano, saranno consumati in parte dagli utenti del refettorio e in parte consegnati a domicilio agli ospiti delle case accoglienza di Caritas Ambrosiana con Just Eat. All'iniziativa solidale si potrà contribuire donando, dal 2 al 12 maggio, una porzione di risotto ordinando online su Just Eat, da alcuni ristoranti in città, un piatto di risotto alla milanese o ricette creative che lo ricordino e lo rivisitino. "Il riso - commenta il marketing director di Just Eat in Italia Monica Paoluzzi - rappresenta da sempre uno degli alimenti più diffusi al mondo grazie alla sua adattabilità ai vari climi e al suo costo contenuto. In particolare, a Milano è strettamente connesso alla tradizione culinaria della città. Per questo abbiamo deciso di portare il risotto alla milanese all'interno del progetto Ristorante Solidale".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Tra 2 anni tutte le discariche italiane saranno piene

Fise, tra meno di un anno quelle al Centro, al Sud già emergenza

Ambiente & Energia Rifiuti & Riciclo
Chiudi Rifiuti (ANSA) Rifiuti

"Entro due anni le discariche saranno sature in tutto il Paese. Al Sud le prime situazioni di emergenza". E' il dato che emerge dal rapporto presentato a Roma da Fise Assoambiente. "In Italia - osserva il report - si producono ogni anno 135 milioni di tonnellate di rifiuti speciali e circa 30 di rifiuti urbani, di cui avviamo a riciclo, rispettivamente, il 65% (92 milioni di tonnellate) e il 47% (15 milioni di tonnellate)".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

PSA, il gruppo la sua visione di governance sul clima

Obiettivo la riduzione globale delle CO2

Motori Eco Mobilità
Chiudi PSA, il gruppo la sua visione di governance sul clima (ANSA) PSA, il gruppo la sua visione di governance sul clima

In occasione della pubblicazione della sua prima Relazione sul Clima e della Relazione annuale sulla CSR, Groupe PSA pubblica la sua governance sul clima. La governance guida l'attuazione della strategia sul clima in tutta l'azienda: il gruppo si distingue per la sua strategia ambiziosa di riduzione globale delle emissioni di CO2nei diversi settori (veicoli, attività produttive, acquisti e logistica).

''La nostra governance strutturata sul clima permette a Groupe PSA di focalizzarsi sulle sfide della CO2 - ha detto il numero uno di Psa, Carlos Tavares -. Come fornitore di mobilità, la nostra azienda si inserisce a pieno titolo in una dinamica evolutiva. Mettiamo la nostra capacità di innovare, la nostra agilità e le nostre competenze al servizio di un modello di azienda responsabile con un'elevata performance, che crea un valore condiviso e sostenibile per tutte le parti interessate''.

Nella sua Relazione sul Clima, il Gruppo fornisce alle parti interessate una visione globale delle misure da lui adottate per lottare contro i cambiamenti climatici ed attenuarne gli impatti. Descrive anche come il piano strategico Push to Pass integra le opportunità e i rischi economici legati al clima.

Alcuni indicatori permettono di seguire la realizzazione degli obiettivi climatici del Gruppo in assoluta trasparenza.

Questa Relazione sul Clima risponde alle raccomandazioni della Task-Force on Climate-related Financial Disclosures(TCFD) del Financial Stability Board(FSB). La Relazione annuale sulla CSR(Responsabilità Sociale delle Imprese) presenta tutti i lavori effettuati dal Gruppo sulle sue sfide sociali, tra cui le sfide climatiche. Questa relazione, sottoposta a revisione da un organismo indipendente, collega la performance finanziaria alla performance non finanziaria, conformemente alle raccomandazioni dell'International Integrated Reporting Council(IIRC). Il Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC) ha assegnato alla Relazione CSR di Groupe PSA il livello 'Advanced' negli ultimi quattro anni consecutivi. Questa classificazione premia la trasparenza e le prassi esemplari nel campo dello sviluppo sostenibile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Per il riciclo servono investimenti per 10 miliardi

Fise Assoambiente, serve una Strategia nazionale di gestione

Ambiente & Energia Rifiuti & Riciclo
Chiudi Plastiche riciclate (ANSA) Plastiche riciclate

"Servono 10 miliardi di euro di investimenti in impianti di riciclo, recupero e smaltimento nei prossimi 15 anni per raggiungere gli obiettivi dell'economia circolare". E' il dato che emerge dal rapporto 'Per una Strategia nazionale dei rifiuti', presentato a Roma da Fise Assoambiente (Associazione delle imprese di igiene urbana, riciclo, recupero e smaltimento di rifiuti urbani e speciali ed attività di bonifica), secondo cui "per non perdere questa opportunità di crescita in termini economici e di sostenibilità ambientale è ora di definire su scala nazionale una 'Strategia per la gestione rifiuti' di lungo periodo che indirizzi tutto il sistema pubblico e gli operatori privati nella stessa direzione". "Per cogliere la sfida europea dell'economia circolare (65% di riciclo effettivo e 10% in discarica al 2035 per i rifiuti urbani) - viene spiegato - occorrerà aumentare sensibilmente la raccolta differenziata (fino all'80%) e la capacità di riciclo (più 4 milioni di tonnellate) del nostro Paese, limitando il tasso di conferimento in discarica e innalzando al 25% la percentuale di valorizzazione energetica dei rifiuti al fine di chiudere il ciclo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Hyundai, JV con H2 Energy per mobilità a idrogeno in Europa

Fino al 2025 consegna di 1.600 veicoli elettrici

Motori Industria
Chiudi Hyundai, JV con H2 Energy per mobilità a idrogeno in Europa (ANSA) Hyundai, JV con H2 Energy per mobilità a idrogeno in Europa

Hyundai e H2 Energy hanno annunciato di aver firmato un accordo per dar vita alla joint venture 'Hyundai Hydrogen Mobility' con l'obiettivo di assumere un ruolo guida nel fiorente ecosistema della mobilità a idrogeno in Europa.

L'accordo prevede che tra il 2019 e il 2025 Hyundai consegnerà 1.600 veicoli elettrici a celle a combustibile alla JV Hyundai Hydrogen Mobility. La jv a sua volta noleggerà un'ampia parte della flotta all'associazione Svizzera H2, che comprende i principali operatori delle stazioni di rifornimento, società di trasporto e logistica e altri attori del settore impegnati nella promozione della mobilità a idrogeno in Svizzera. Oltre alla Svizzera, la joint venture espanderà ulteriormente la propria presenza sul mercato in altri Paesi europei.

Hyundai Hydrogen Mobility prevede inoltre di entrare nel mercato dell'idrogeno attraverso una società controllata che produce e fornisce idrogeno in Svizzera, con prospettive di ingresso in altre nazioni dell'Europa.

Con la costituzione di Hyundai Hydrogen Mobility, Hyundai sbarca in Svizzera dove si prevede una crescita della domanda di mezzi pesanti a celle a combustibile vista l'introduzione di una gravosa tassa di circolazione per i camion diesel, che incentiva gli operatori di flotte a scegliere veicoli a zero emissioni.

Sul lungo periodo, Hyundai intende acquisire una posizione leader nel mercato dei veicoli commerciali elettrici a celle a combustibile, nell'ambito della sua visione sempre più orientata alla mobilità sostenibile.

Dopo essersi adoperata per soddisfare la domanda in Europa, Hyundai lancerà le sue attività relative ai mezzi pesanti a celle a combustibile anche in altri Paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti e il mercato interno in Corea.

Come parte della strategia FCEV Vision 2030 trova origine il Memorandum of Understanding (MOU) stipulato da Hyundai con le compagnie energetiche coreane Korea East-West Power (EWP) e Deokyang per generare elettricità dall'idrogeno. Il progetto pilota darà vita ad un impianto elettrico a celle a combustibile da 1 megawatt (MW):Hyundai realizzerà il sistema di celle a combustibile, EWP gestirà l'impianto e la vendita dell'energia e Deokyang si occuperà della fornitura di idrogeno.

L'impianto, la cui realizzazione è prevista entro la fine del 2019 a Ulsan, sarà composto da due moduli generatori da 500 kW, ciascuno caricato con più moduli di alimentazione del veicolo a celle a combustibile di Hyundai, il suv a idrogeno NEXO.

L'impianto può generare una fornitura di 8.000 MWh l'anno, sufficienti ad alimentare circa 2.200 famiglie con 300 kWh al mese, completamente a zero emissioni poiché alimentato a idrogeno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

127 mila libri per biblioteche scuole

Edizione 2019 di 'Io leggo perchè' promosso da Aie

Legalità & Scuola Musica, film e libri
Chiudi LIBRI: FIRENZE, RIAPRE STORE SEEBER E DEDICA SPAZIO A USATO [ARCHIVE MATERIAL 20041208 ] (ANSA) LIBRI: FIRENZE, RIAPRE STORE SEEBER E DEDICA SPAZIO A USATO [ARCHIVE MATERIAL 20041208 ]

(ANSA) - ROMA, 18 APR - Sono 127.000 i nuovi libri messi a disposizione dagli Editori per le scuole come contributo all'edizione 2018 di #ioleggoperché, la grande iniziativa nazionale dell'Associazione Italiana Editori (AIE) - in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR), con il Centro per il Libro e la Lettura, con l'Associazione Librai Italiani (ALI) e il Sindacato Italiano Librai e Cartolibrai (SIL), con l'Associazione Italiana Biblioteche (AIB) e con il supporto di SIAE - Società Italiana degli Autori ed Editori - che punta a formare nuovi lettori, rafforzando nella quotidianità dei ragazzi l'abitudine alla lettura grazie alla creazione e al potenziamento delle biblioteche scolastiche.
    Entro la fine del mese di aprile arriveranno così nelle biblioteche scolastiche degli Istituti che ne hanno fatto regolarmente richiesta il 27% di libri in più rispetto a quelli annunciati.
    Il merito va agli editori che hanno partecipato alla donazione: Artestampa Edizioni, Bohem Press, Casalini Libri, Curcu&Genovese, DeA Planeta, Ediciclo (Nuova Dimensione), Editrice Shalom, Editrice Dedalo, Editrice Il Ciliegio, Edra - LSWR Group, Effatà, Eli - La Spiga Edizioni, Feltrinelli (Giangiacomo Feltrinelli Editore - Gribaudo), Gallucci, Giuffrè Editore, Gruppo editoriale Mauri Spagnol (Adriano Salani Editore, Antonio Vallardi Editore, Ape Junior, Bollati Boringhieri, Corbaccio, Nord, Chiarelettere, Garzanti, La Coccinella, Longanesi & C., Magazzini Salani, Nord Sud Edizioni, Ponte alla Grazie, TEA, Tre60, Ugo Guanda Editore), Gruppo editoriale Raffaello, Gruppo Mondadori (Einaudi, Mondadori, Mondadori Electa, Mondadori Ragazzi, Rizzoli), Guerini e Associati, Guida Editore, HarperCollins Italia, Il Castoro, Il Mulino, Johan & Levi, L'Artistica Savigliano, La Margherita Edizioni, La Vita Felice, Laterza, Lupoguido, Moretti&Vitali, Newton Compton, Notes Edizioni, Pearson, Pisa University Press, Salerno Editrice, SEM Libri, Tunué, Vita e Pensiero, White Star, Zanichelli. A cui si sono unite anche alcune istituzioni: Stato Maggiore della Difesa, l'ufficio di Bruxelles dell'Unesco e il World Food Programme, agenzia delle Nazioni Unite.
    #ioleggoperché è un progetto di AIE, in collaborazione con Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR), con l'Associazione Librai Italiani (ALI), con il Sindacato Italiano Librai e Cartolibrai (SIL), con l'Associazione Italiana Biblioteche (AIB) e con il Centro per il libro e la lettura, con il supporto di SIAE - Società Italiana Autori ed Editori e con il sostegno di Mediafriends. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ford Mustang la sportiva più venduta globalmente nel 2018

Primato per il quarto anno consecutivo, vettura compie 55 anni

Motori Industria
Chiudi Ford Mustang la sportiva più venduta globalmente nel 2018 (ANSA) Ford Mustang la sportiva più venduta globalmente nel 2018

Ford celebra il cinquantacinquesimo anniversario della Mustang che si riconferma, per il quarto anno consecutivo, la sportiva più venduta al mondo nel 2018 con 113.066 esemplari immatricolati. Inoltre, le vendite di Mustang, in Europa, dall'inizio del 2019 hanno espresso una crescita del 27%.

 

Dall'Australia al Perù, Mustang è stata incoronata globalmente, secondo i dati elaborati da IHS Markit ma anche la best seller della sua categoria negli Stati Uniti, dove l'Ovale Blu, lo scorso anno, ne ha venduti 75.842 esemplari. Inoltre, in Europa, nel primo trimestre del 2019, Ford ha venduto 2.300 esemplari di Mustang esprimendo una crescita del 27% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Secondo i dati sulle immatricolazioni globali raccolti da Ford, la Mustang, nel 2018 è stata disponibile per l'acquisto in 146 paesi. Dal lancio nel 2015, nel mondo sono stati venduti più di 500.000 esemplari della sesta generazione di Mustang, tra cui oltre 45.000 in Europa. Inoltre, Il market share nel segmento delle coupè sportive di Mustang, a livello globale, è cresciuto di mezzo punto rispetto al 2018, raggiungendo quota 15,4% - crescita dovuta anche al grande successo della Mustang Bullitt.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ok della Camera al riconoscimento della cefalea come malattia sociale

Testo ora in Senato. Pini (Pd), su cefalea oggi giornata importante

Salute & Benessere Alimentazione
Chiudi Decretone: ripreso esame odg, atteso via libera Camera (ANSA) Decretone: ripreso esame odg, atteso via libera Camera

 Sì pressochè unanime dell'Aula della Camera al riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale. Il testo è stato approvato a Montecitorio con 451 voti a favore ed un solo astenuto, ed ora passa al Senato. Il provvedimento dispone l'accertamento della malattia, da almeno un anno, che ne attesti l'effetto invalidante tale da limitare, o compromettere gravemente, la capacità di far fronte agli impegni di famiglia e di lavoro. Le forme di cefalee riconosciute come malattia sociale sono l'emicrania cronica e ad alta frequenza; la cefalea cronica quotidiana con o senza uso eccessivo di farmaci analgesici; la cefalea a grappolo cronica; l'emicrania parossistica cronica; la cefalea nevralgiforme unilaterale di breve durata con arrossamento oculare e lacrimazione; l'emicrania continua. Il ministro della Salute dovrà emanare un decreto con i progetti per sperimentare modelli innovativi di presa in carico delle persone affette da queste forme di cefalea.

Pini (Pd), su cefalea oggi giornata importante
"Oggi è una giornata importante. L'approvazione alla Camera all'unanimità della legge che riconosce la cefalea come malattia sociale è il compimento di un lavoro durato anni. Questo è il primo passo, l'affermazione di un principio fondamentale". Lo afferma Giuditta Pini, deputata del Pd e prima cofirmataria della legge, che è intervenuta in Aula alla Camera per la dichiarazione di voto. "Non parliamo di un semplice mal di testa, ma di una malattia invalidante - all'ottavo posto nel mondo secondo l'OMS - che colpisce soprattutto le donne e che, in Italia, non aveva nessuna normativa di riferimento. Nel nostro paese la cefalea primarie cronica non è ancora nell'elenco nosologico delle malattie", aggiunge. "Vorrei ringraziare i colleghi parlamentari che hanno lavorato con me alla proposta, la Società italiana studi cefalee, e soprattutto grazie alle associazioni dei pazienti. E grazie anche ai centri di cura cefalee in Italia: hanno competenze specifiche fondamentali ed è stato importante nominarli nella legge. Ora mi auguro che il Senato approvi in tempi rapidi il provvedimento", conclude Pini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Vent'anni di Race for the cure, 17 milioni di euro per 850 progetti

Masetti, "è stata contributo nei fondi e nell'approccio culturale"

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Vent'anni di Race for the cure, 17 milioni di euro per 850 progetti (ANSA) Vent'anni di Race for the cure, 17 milioni di euro per 850 progetti

Sarà il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a lanciare dal Quirinale il 16 maggio la ventesima edizione di 'Race for the Cure', la più grande manifestazione di solidarietà nel mondo per la lotta ai tumori al seno. In Italia il ventennale sarà festeggiato con sei edizioni nelle città di Roma (16-19 maggio), Bari (17-19 maggio), Bologna e Pescara (20-22 settembre), Brescia e Matera (27-29 settembre).

L'evento organizzato dall'Associazione Susan G. Komen Italia ha permesso di investire in 20 anni oltre 17 milioni di euro, di avviare oltre 850 progetti tra cui La Carovana della Prevenzione che, con le sue cliniche mobili, dal 2017 ha erogato oltre 18.300 prestazioni gratuite in 14 regioni italiane. Il bilancio è stato fatto dal professor Riccardo Masetti, presidente di Komen Italia, in occasione della presentazione dello spot della Race for the Cure 2019. "Race for the Cure - ha spiegato Masetti - ha dato un buon contributo nella lotta al tumore più frequente nelle donne. Un contributo che è stato sia raccogliere fondi, sia aiutare attraverso la testimonianza coraggiosa delle donne in rosa che hanno affrontato la malattia a cambiare un po' l'approccio culturale. Quando abbiamo iniziato 20 anni fa - ha concluso - non si parlava molto di tumore, oggi lo si affronta con molto più coraggio, più condivisione e questo davvero è una risorsa terapeutica in più". 

 

- Calenda, sarò a Race for the cure, vicinanza parte della guarigione

 "Correre la Race? Non ho il fisico, però camminerò. Sarò là". Utilizza un pizzico di ironia l'ex ministro Carlo Calenda, esponente del Pd, per annunciare la sua presenza alla Race for the cure, la più grande manifestazione per la lotta ai tumori al seno del mondo che partirà da Roma il 16 maggio per toccare, nel suo ventennale, altre cinque città italiane. "Lo sguardo maschile su una patologia come il tumore al seno è molto importante - spiega Calenda a margine della presentazione dello spot di Race for the cure - perché incredibilmente molto spesso sono proprio gli uomini che vengono meno quando c'è una malattia, un tumore al seno nelle donne. Violante, mia moglie, ha avuto questa malattia. È molto importante che gli uomini se ne prendano cura con grandissima attenzione. È un segnale di forte vicinanza che è una parte della guarigione. La mia presenza qui testimonia vicinanza e il fatto che in una famiglia è una malattia che va vissuta insieme".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Il cargo Cygnus in viaggio verso la Stazione Spaziale

Trasporta rifornimenti e materiale per gli esperimenti

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi Rappresentazione artistica del cargo Cygnus in volo verso la Stazione Spaziale. (fonte: Northrop Grumman) (ANSA) Rappresentazione artistica del cargo Cygnus in volo verso la Stazione Spaziale. (fonte: Northrop Grumman)

È in viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale (Iss) il cargo Cygnus, con un carico di rifornimenti e materiali scientifici per gli astronauti. Il lancio è avvenuto alle 22:46, ora italiana, dalla base Wallops Flight Facility della Nasa, in Virginia, grazie al razzo Antares dell'azienda americana Northrop Grumman Innovation Systems. Cygnus ha messo in orbita anche 63 piccoli satelliti, ciascuno grande come una fetta di pane, realizzati da studenti.

Resteranno in un'orbita bassa, di circa 200 chilometri, tra 5 e 10 giorni, prima di bruciare nel'impatto con l'atmosfera. Quella in volo verso la stazione orbitale è una versione avanzata del cargo, che permette di caricare esperimenti scientifici, compresi topi vivi, solo 24 ore prima del lancio, anziché quattro giorni come avveniva in precedenza.

La navetta Cygnus resterà ancorata alla Stazione Spaziale fino a luglio. Poi, a differenza dei suoi predecessori, prima di rientrare bruciando nell'atmosfera terrestre con il carico di rifiuti, resterà in orbita ancora qualche mese. La Nasa vuole infatti testare la sua capacità di fare da supporto nelle missioni future, come la stazione spaziale Gateway che l'agenzia spaziale degli Stati Uniti prevede di realizzare nell'orbita lunare in vista di una missione sulla Luna con astronauti nel 2024.

Dei due moduli del cargo Cygnus, quello pressurizzato, è stato realizzato dalla Thales Alenia Space (Thales - Leonardo) ed è in grado di trasportare 3.500 chilogrammi di carico in un volume di 27 metri cubi. Cygnus è alla sua undicesima missione, dedicata all'astronauta dell'Apollo 1 Roger Chaffee, che morì nel 1967 con i compagni Gus Grissom ed Edward White in un incendio scoppiato durante uno i test in vista del futuro sbarco sulla Luna.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Maserati, Suv personalizzato per star basket Ray Allen

Un Levante Gts One of One presente al Salone di New York 2019

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Una Maserati Levante personalizzata per Ray Allen, uno dei più grandi tiratori da tre punti nella storia del basket Nba, due volte campione della lega con i Boston Celtics e i Miami Heat e inserito nella Hall of Fame della pallacanestro mondiale. La casa del Tridente ha realizzato per la star dei parquet americani, un suv su misura, il Levante Gts One of One presente in anteprima mondiale al Salone Internazionale dell'Auto di New York 2019.

La vettura, elaborata dal Centro Stile Maserati sui desideri del cestista, veste una livrea tristrato 'Blu Astro', ispirata al blu astrale della galassia ma anche ai colori della città di Miami, particolarmente amata da Allen. Come dettaglio personale nascosto, la firma di Ray è ricamata dietro il poggiatesta del sedile di guida mentre Infine, un altro elemento esclusivo è inserito nei battitacco retroilluminati: un'incisione laser che suggella la dedica 'Maserati for Ray'.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Magneti Marelli ad Auto Shanghai, l'high tech a 360 gradi

Da cruscotto 3D all'iniezione d'acqua che abbassa la CO2

Motori Componenti & Tech
Chiudi  (ANSA)

Lo stand di Magneti Marelli ad Auto Shanghai 2019 si focalizza - in perfetta sintonia con il tema dell'evento - sulle tecnologie in ambito HMI (Human-Machine Interface) e connettività, sull'elettrificazione e sulla guida autonoma. Per celebrare il suo centenario, l'azienda ha portato in Cina anche una interessante serie di testimonianze della sua lunga e importante storia, che parte dalle candele (le 'scintille') e arriva alle attuali eccellenze tecnologiche che comprendono anche gli ambiti powertrain e intelligent lighting. Allo stand di Auto Shanghai Magneti Marelli dà spazio innanzitutto alle soluzioni innovative sviluppate nel polo industriale e di ricerca e sviluppo di Guangzhou, con una selezione di display e dei quadri di bordo evoluti. In primo piano anche il 3D Digital Cluster, ovvero una soluzione che introduce in maniera innovativa la visione tridimensionale nel quadro di bordo senza l'ausilio di occhiali o la sovrapposizione di diversi substrati ottici, offrendo caratteristiche di semplicità e contenimento di costi.

Da segnalare anche i display Polablack da 8 pollici che una volta spenti risultano perfettamente integrati nella plancia e da accesi garantiscono una trasparenza e luminosità del 40% maggiori rispetto ai sistemi tradizionali. Altro ambito di particolare interesse è quello dedicato all'E-Cockpit dove Magneti Marelli presenterà soluzioni con schermi digitali completamente integrati e in grado di gestire con un'unica centralina di controllo elettronico (ECU) due sistemi operativi differenti, come quello che regola le funzioni dell'infotainment e quello dedicato al quadro strumenti. Vista l'importanza del mercato dei modelli ibridi ed elettrici in Cina, un'altra area è dedicata all'elettrificazione, e al know-how accumulato da Magneti Marelli. Sono esposte tutte le soluzioni di Magneti Marelli in materia, come il motore elettrico BSG (Belt Starter Generator) da 48 Volt; il sistema ibrido-elettrico PerfET (PERForming and Efficient Transmission) realizzato in Cina e la centralina BMS (Battery Management System) per la gestione e controllo delle batterie di un veicoloHEV-BEV e gli inverter miniaturizzati SiC (Silicon Carbide), adottati in ambito motorsport. In relazione alle tecnologie per il recupero dell'energia, sono esposti anche gli sviluppi di Magneti Marelli nel campo degli ammortizzatori rigenerativi, ovvero un sistema di smorzamento meccatronico che recupera energia cinetica trasformandola in energia elettrica.

Altra novità presente a Shanghai sono i sistemi per creare il suono virtuale dello scarico nei modelli elettrici, come la tecnologia Active Sound System/Brand Sound Signature che permette ai costruttori di personalizzare i suoni prodotti da un virtuale sistema di scarico. Parallelamente sarà esposto un sistema di scarico con tecnologia TEG (ThermoElectric Generator) che permette di convertire i gas di scarico in energia termoelettrica utilizzata per ricaricare le batterie dei sistemi secondari. Nell'ambito dell'Autonomous Driving la presenza Magneti Marelli si concentra sul know-how relativo alla Sensing Technologies - volta all'elaborazione dei segnali provenienti dai sensori, al rilevamento e riconoscimento degli oggetti attorno al veicolo e al posizionamento e tracciatura in prospettiva 3D - e sui componenti dedicati alle funzioni di percezione e sensing. Di assoluto rilievo l'area Lighting in cui viene presentato il Digital Lighting Processing (DLP) primo proiettore di serie al mondo da 1,3 milioni di pixel. La tecnologia DLP crea condizioni di illuminazione ideali e consente di proiettare immagini sulla strada per comunicare con gli automobilisti e i pedoni. Per l'ambito Powertrain, infine, sono esposte tecnologie quali il sistema di iniezione GDI con pressioni di esercizio fino a 1000 bar, e il sistema Water Injection dedicato ai motori turbocompressi a benzina in cui - grazie a un iniettore aggiuntivo per ogni cilindro - si garantiscono migliori performance ed efficienza, consentendo di ridurre le emissioni di CO2di circa il 3-5%. La presenza ad Auto Shanghai è un'ulteriore testimonianza del percorso, ormai consolidato, di Magneti Marelli in Cina, dove l'azienda è presente dal 1996 con stabilimenti produttivi e centri di R&D e ingegneria a Shanghai, Wuhu, Guangzhou, Changsha, Changchun, Hefei, Foshan e Xiaogan nella provincia di Hubei.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Volvo collaborerà con Huawei per nuova piattaforma servizi

Offrirà parcheggio, rifornimenti e infotainment ma solo in Cina

Motori Industria
Chiudi Volvo collaborerà con Huawei per nuova piattaforma servizi (ANSA) Volvo collaborerà con Huawei per nuova piattaforma servizi

Volvo Cars e il colosso Huawei hanno annunciato, in occasione del Salone Auto Shanghai 2019, l'avvio di una partnership strategica incentrata sulla creazione di una piattaforma di servizio aperta e di un ecosistema per l'industria automobilistica. Nell'ambito di questa cooperazione, che riguarderà solo le auto vendute in Cina continentale, Volvo Cars collaborerà con il gruppo fornitore globale di infrastrutture ICT e di dispositivi intelligenti per sviluppare servizi applicativi in-car personalizzati in base alle esigenze e ai gusti dei consumatori cinesi, coprendo funzioni come parcheggio, rifornimento di carburante e intrattenimento.

Inoltre Volvo integrerà Huawei App Store - la piattaforma di distribuzione di applicazioni Android sviluppata da Huawei - all'interno del suo sistema interattivo intelligente di prossima generazione. Con questo accordo Volvo prosegue nello sviluppo dei servizi legati alla connettività stringendo partnership strategiche con terze parti. Prima della collaborazione con Huawei, Volvo Cars si era già unita a Google nell'area di IoV (Internet of Vehicles) nel 2017.

In questo caso il costruttore sino-svedese di automobili aveva annunciato il progetto relativo allo sviluppo della prossima generazione dei suoi sistemi di infotainment e connettività in-car basata su Android, offrendo così accesso a una vasta gamma di App e servizi. Questa cooperazione tra Volvo e Google ha portato nel maggio 2018 all'avvio di un progetto per incorporare l'Assistente Google controllato vocalmente, Google Play Store, Google Maps e altri servizi Google nel sistema di infotainment Sensus di prossima generazione di Volvo, basato su Google Android.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Bollo auto, scoperti 23 'furbetti' nel Napoletano

Vetture ancora intestate a parenti disabili deceduti per sconto

Motori Attualità
Chiudi Bollo auto (ANSA) Bollo auto

I loro familiari con disabilità erano deceduti da tempo ma loro continuavano a pagare la tassa auto in misura ridotta. In 23, nel napoletano, sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza ed ora dovranno versare alla Regione Campania quanto realmente dovuto. La GdF ha scoperto inoltre che alcune persone per sfruttare una classe di merito più vantaggiosa per le polizze di assicurazione firmavano i contratti con il nome delle persone decedute. Sono state denunciate per sostituzione di persona.

Sedici le segnalazioni all'autorità giudiziaria: nei guai anche alcuni agenti assicurativi. Le indagini sono state condotte a Torre Annunziata, Boscoreale, Boscotrecase, Trecase, Poggiomarino, Pompei e Striano. Ventitrè auto intestate a persone disabili decedute continuavano a circolare. E per queste auto c'era ancora l'esonero del versamento della tassa che si applica sia alle auto guidate da disabili e sia a quelle utilizzate per l'accompagnamento.Se vengono meno le condizioni (tra queste il decesso del disabile) bisogna pagare la tassa per intero.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Bmw punta a rafforzarsi in Cina con Serie 3 Lunga e X1 PHEV

Due novità costruite dalla JV con Brilliance nello Shenyang

Motori Prove e Novità
Chiudi Bmw punta a rafforzarsi in Cina con Serie 3 Lunga e X1 PHEV (ANSA) Bmw punta a rafforzarsi in Cina con Serie 3 Lunga e X1 PHEV

Insediata fin dal 2003 in Cina attraverso una proficua collaborazione con Brilliance Automotive nello Shenyang, Bmw punta a crescere ancora in quello che è diventato il suo maggiore mercato mondiale (oltre 18miliardi di dollari di ricavi), passando dalle attuali 400mila unità prodotte annualmente ad una capacità complessiva di 650mila veicoli. Le novità presentate dalla Casa di Monaco al Salone di Shanghai rientrano dunque in questo piano di 'allargamento' della presenza sul mercato, in particolare attraverso modelli concepiti espressamente per la Cina. Ne è un esempio la nuova generazione della Serie 3 che, in funzione dei gusti dei clienti locali, debutta nella variante 325i L Sedan, allungata cioè nel passo per offrire maggiore spazio nei sedili posteriori e consentire l'uso di questa moderna berlina anche con l'autista. Altra 'arma' a disposizione di Bmw per migliorare ancora la posizione commerciale in Cina è il sav PHEV X1 xDrive25Le, specifico per questo Paese. Nella ultima versione, svelata al National Exhibition and Convention Center (NECC) di Shanghai, questo modello ibrido plug-in - il più venduto nel suo segmento in Cina - mette a disposizione della clientela un powertrain migliorato da molti di vista, primo fra tutti quello della autonomia elettrica cresciuta dell'83%. Grazie a nuove batterie agli ioni di litio (prodotte proprio nello Shenyang) in cui il rapporto tra Nickel, Cobalto e Manganese nell'anodo è nella proporzione 8:1:1, e quindi con una maggiore densità di energia, il sav Bmw X1 xDrive25Le riesce ora a viaggiare in modalità 100% elettrica per ben 110 km. Rivista anche la sezione termica, che si avvale di un 3 cilindri 1.5 TwinPower Turbo che trasmette il moto alle ruote anteriori, mentre il retrotreno è spinto (si tratta di un modello xDrive, a trazione integrale) dall'unità elettrica. Il risultato è un miglioramento del 72% nel consumo combinato. Con una potenza complessiva del sistema di 231 Cv e una coppia massima di 382 Nm, la nuova versione dell'X1 xDrive25Le è ora in grado di accelerare da 0 a 100 in 7,4 secondi. Presentati a Shanghai anche altri modelli Bmw che non sono però fabbricati in Cina, come i sav sportiviX3M eX4M e le varianti Coupé e Convertibile della Serie 8, al debutto in Asia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo