Louis Garrel è L'Uomo Fedele

Dall'11 aprile in sala con la moglie Laetitia Casta

Marianne (Laetitia Casta) e Abel (Louis Garrel) si amano e vivono insieme, ma un bel giorno all'improvviso lei lascia lui perché aspetta un figlio da Paul, il miglior amico di Abel. Nessun dramma, nessun piatto rotto, nessuna richiesta di spiegazione da parte di Abel che fa i bagagli e se ne va. Inizia così 'L'uomo fedele' diretto e interpretato da Louis Garrel e in sala dall'11 aprile con Europictures.
    "Sono sempre stato circondato da donne forti - ha detto Garrel - perciò sono abituato a lasciar fare alle donne. Molti uomini che hanno visto il film mi hanno detto che non si identificavano troppo in Abel, invece per me è normale". E sullo stesso tema ha da dire qualcosa anche la Casta, moglie di Garrel nella vita: "Non decidere è alla fine un modo per mantenere il potere". Tornando a 'L'uomo fedele' , scritto dallo stesso Garrel insieme a Jean-Claude Carrière, ritroviamo Abel, nove anni dopo, al funerale di Paul, l'amico che gli aveva rubato e messa in cinta Marianne. Gli ex amanti si rivedono e pensano bene di ricominciare ma la giovanissima Eve, sorella di Paul, è innamorata di Abel e lo vuole. A complicare tutto, in questo film che attraversa tanti generi, c'è Joseph, figlio di Marianne e Paul, appassionato di enigmi polizieschi e convinto che la madre abbia avvelenato il padre. "Questo è un film di sentimenti, ma non sentimentale - ha detto l'attore francese a propositi di questo suo secondo lavoro da regista -. E lavorare poi con Carrière è stato fondamentale perché io amo il sentimentalismo e lui lo odia. Certo per 'L'uomo fedele' mi sono ispirato a Truffaut, anche se il film attraversa tanti generi dalla commedia, al thriller al romanticismo. Comunque - ha riconosciuto - volevo fare un film tipicamente francese in cui si possono ritrovare Mirabeau, Racine e libri come Le relazioni pericolose (romanzo epistolare di Pierre-Ambroise-Franois Choderlos de Laclos del 1782)". Di poche parole la bellissima Casta oggi all'incontro stampa. Attrici di riferimento? "Sicuramente Anna Magnani, Romy Schneider e Gena Rowland - ha detto l'attrice - . I film che mi piacciano di più - aggiunge- sono sicuramente quelli d'amore anche se oggi sono molto commerciali". Lavorare con il marito sul set? "Una cosa davvero strana - dice - Louis diventa un'altra persona".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA