'Respiro' di Ted Chiang tra 10 migliori per Nyt

In top ten anche Luiselli, Lerner e "Chernobyl" di Higginbotham

 Bilanci di fine anno anche nel mondo del libro: come di consueto il New York Times ha scelto la top ten del 2019 - cinque opere di fiction e cinque di saggistica - e tra le proposte alcune sono gia' arrivate in Italia come "Respiro" ("Exhalation") di Ted Chiang: nove racconti sulle conseguenze materiali del viaggio nel tempo negli Usa sono pubblicati da Alfred A. Knopf, da noi con Frassinelli.
    Tra i romanzi migliori del 2019 c'e' anche "L'Archivio dei Bambini Perduti" della messicana Valeria Luiselli, tradotto in italiano da Tommaso Pincio per La Nuova Frontiera. Dopo "Uomo di Passaggio" (Neri Pozza) e "Nel Mondo a Venire" (Sellerio), il 2019 di un autore cult anche in Italia come Ben Lerner si intitola "The Topeka School": Adam Gorman torna protagonista e anche stavolta restano gli interrogativi su arte e autenticità, scrive il Times, ma rispetto ai precedenti romanzi di Lerner, "l'assenza di fede di Adam diventa un sintomo di una crisi nazionale".
    Nel primo capitolo di "Disappearing Earth" dell'esordiente Julia Phillips pubblicato da Knopf, due ragazzine spariscono nel nulla mandando ondate di shock attraverso una citta' ai margini della remota penisola di Kamchatka". Completa la top 5 della fiction "Night Boat to Tangier" di Kevin Berry: gli antieroi di questo romanzo, pubblicato da Doubleday, sono due gangster irlandesi.
    A soggetto irlandese ma stavolta con i "Troubles" in Irlanda del Nord di sfondo e' "Say Nothing" di Patrick Radden Keefe sull'assassinio di Jean McConville da parte dell'Ira nel 1972: una madre vedova rapita dalla sua casa di Belfast in presenza dei suoi figli, era sospettata dall'organizzazione paramilitare di essere una spia.
    Tra i titoli segnalati tra i migliori della saggistica c'e' "Mezzanotte a Chernobyl" di Adam Higginbotham, pubblicato da poco in Italia da Mondadori col resoconto mozzafiato dell'esplosione della centrale nucleare nell'aprile 1986.
    Completano la top five della non-fiction "The Club" di Leo Damrosch, su Samuel Johnson e i suoi amici nell'Inghilterra della fine del Settecento, "Yellow House" di Sarah Broom ambientato in una casa di New Orleans Est dagli anni Sessanta all'uragano Katrina e "No Visible Bruises" sulle devastanti e letali conseguenze della violenza domestica. 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA