Libri Come, 300 autori per la felicità

Al via 15 marzo a Roma, in chiusura ricordo Leogrande

 Esplora la felicità, parola chiave accattivante e provocatoria, con 300 autori, la nona edizione di 'Libri Come', la Festa del Libro e della Lettura che si apre il 15 marzo all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Oltre 130 gli eventi, tra gli attesi big stranieri: i protagonisti del nuovo romanzo americano Nicole Krauss, Nathan Englander, Daniel Mendelsohn, Jennifer Egan, il giallista scozzese Ian Rankin e Mathias Enard, Régis Jauffret e Jan Manook, Clara Sanchez, Alicia Gimenez Bartlett. Tra gli italiani che ci parleranno della loro idea di felicità: Andrea Camilleri, Piero Angela. Ma ci saranno anche Paolo Giordano, Daria Bignardi, Pupi Avati e Gianni Amelio.

Arrivata a un passo da un compleanno importante, quello dei dieci anni, che festeggerà nel 2019, 'Libri Come', curata da Marino Sinibaldi, Michele De Mieri e Rosa Polacco, prodotta da Fondazione Musica per Roma, amplia dunque la sua rete di collaborazione in un dialogo con 'Tempo di Libri' che si inaugura a Milano l'8 marzo, con il Salone del Libro e con il Circolo dei Lettori di Torino. Non è un semplice ricordo quello che il 18 marzo verrà dedicato ad Alessandro Leogrande, lo scrittore morto a 40 anni il 26 novembre 2017: il suo progetto sulle migrazioni, concepito con Elena Stancanelli che ora lo porta avanti con la collaborazione di diverse realtà e città tra cui Radio3, Laterza e il Salone del Libro di Torino, è al centro di un incontro con Simonetta Agnello Hornby, l'economista Emanuele Felice e la sociologa Gabriella Turnaturi, che cercheranno parole nuove e pensieri condivisi per una nuova narrazione del fenomeno migratorio.

 "Felicità è un tema provocatorio non in senso aggressivo, ma perché chiama fuori qualcosa di ciascuno di noi. Cerchiamo di ascoltare i lettori e di andare incontro ai loro desideri, non a quelli delle classifiche. Accanto ai nomi importanti ci sono a 'Libri Come' personaggi come lo svedese Fredrik Sjöberg, autore de L'arte di collezionare mosche (Iperborea) e de 'Il re dell'uvetta' (Iperborea) o come il siriano Khaled Khalifa, autore di Elogio dell'odio' (Bompiani), uscito nel 2011" ha spiegato Marino Sinibaldi e ha sottolineato che l'appuntamento dedicato a Leogrande "si concluderà al Salone del Libro di Torino. Ed è partita sui social la sfida alle frasi sulla felicità". "E' una grande festa plurale alla quale in questi 9 anni hanno partecipato oltre 300 mila spettatori. E' stato un continuo susseguirsi di successi. Nel 2017 sono state oltre 23 mila le presenze. Possiamo dire che l'Auditorium si è creato uno spazio di felicità e in questa edizione abbiamo creato un asse con Milano e Torino", ha sottolineato alla presentazione il presidente della Fondazione Musica per Roma, Aurelio Regina.

 L'inaugurazione, come nella precedente edizione, è in collaborazione con le Biblioteche di Roma dove 10 autori, tra cui Franco Faggiani, Jessica Alexander, Eraldo Affinati e Giancarlo Caselli, presenteranno, in contemporanea in diversi quartieri di Roma alle 18, altrettanti libri. Le tre giornate della manifestazione si apriranno con le 'Mattinate per le Scuole' e le lezioni di giornalismo. "Due degli obiettivi strategici che volevo portare avanti sono qui realizzati: la forte vocazione internazionale e la grande apertura alla città con il coinvolgimento delle biblioteche e delle scuole" ha sottolineato l'amministratore delegato José Ramon Dosal annunciando il nuovo festival estivo, il Roma Summer Fest, della Fondazione Musica per Roma, con i big della musica internazionale.

Tra le mostre spicca, nel foyer della sala Petrassi, Altan con 'Un'antologia per la felicità' e continua il work in progress fotografico 'AUTORitratti' di Musacchio e Ianniello.

Grande chiusura dedicata al '68 cinquant'anni dopo, in collaborazione con Webnotte, con la partecipazione tra gli altri di Paolo Mieli, Luciana Castellina, Gino Castaldo ed Ernesto Assante.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA