Jasmine Trinca, in Simple Women regista di un'icona

L'attrice, con l'età sono diventata meno snob

 'Simple Women' di Chiara Malta, produzione Italia/Romania, racconta di un'ossessione del cinema e sul cinema, quella di Federica (Jasmine Trinca) folgorata in adolescenza dalla visione di 'Simple Men' di Hal Hartley e, soprattutto, della sua interprete Elina Löwensohn che nel film soffriva di crisi epilettiche proprio come lei. Trent'anni dopo Federica, ormai regista della tv vaticana, incontra improvvisamente per le strade di Roma Elina, il suo mito underground, che è nella capitale per un ennesimo provino che probabilmente andrà male. Federica, presa dall'entusiasmo, le propone subito di girare un film sulla sua vita, dall'infanzia nella Romania di Ceausescu fino ai cult-movie americani. Sul set però niente va come previsto, perché il cinema è un'illusione e gli idoli, quando sono messi sotto la lente di ingrandimento, non sono poi così belli come ce li si aspettava. E poi per Federica è una sorta di catarsi perché si ritrova a dover fare i conti, oltre che con la sua icona dell'infanzia, anche con se stessa e con la sua mancata voglia di crescere. Il film opera prima di Chiara Malta, dopo la première mondiale al Festival di Toronto, è passato oggi in anteprima italiana al 37/ma edizione del Torino Film Festival, nella sezione Festa Mobile. "Per anni - racconta Chiara Malta, già autrice di corti e del documentario Armando e la politica - ho creduto che Elina Löwensohn fosse un'attrice americana. L'avevo vista al cinema, nei film di Hal Hartley. Non posso dire di essere stata una sua fan. Sapevo chi era, niente più: Elina Löwensohn, un'attrice americana. Poi un giorno qualcuno ci ha presentate.
    Mi ha detto subito che era rumena. Di quest'incontro mi è rimasta l'eco di una frase in testa, come un ritornello martellante, ostinato: 'Non sono un'attrice americana'. Non sono ciò che credi. Simple Women è iniziato così". "Mi ha interessato il ribaltamento di ruolo di un attrice, come me, che interpreta regista - dice oggi a Torino Jasmine Trinca - . Lei diventa per me un alter ego, una rivale in un gioco alla stesso tempo divertente e crudele. Nel film poi, come si vede puntualmente, c'è stata una sorta di identificazione tra me e il personaggio di Elina che, tra l'altro, ha avuto a sua volta la difficoltà, anche psicologica, di interpretare se stessa". E ancora l'attrice in una prospettiva di bilanci:"Se penso che dal mio primo film, La stanza del figlio (1999) di Nanni Moretti, sono passati venti anni mi fa impressione. È vero che con il tempo è difficile mantenere sempre alte le energie, anche perché il mio approccio al lavoro prevede sempre un investimento forse eccessivo di emotività e bagaglio personale, e dopo un po' di anni questo tipo di condivisone non è semplice né scontata. Con l'età - conclude - sono meno snob di un tempo e cerco di approfittare di più del divertimento che c'è nel fare cinema".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie