Netflix salva il Paris, l'ultimo monosala di NY

Storica sala diventa base per aspirazioni Oscar

(ANSA) - NEW YORK, 26 NOV - Mentre continuano le trattative per l'acquisto dell'Egyptian Theatre a Los Angeles, Netflix "salva" il Paris, l'ultimo monosala rimasto a Manhattan garantendo un trampolino di lancio per le sue aspirazioni agli Oscar. Il colosso dello streaming che sta cambiando il modo di fare e fruire il cinema ha annunciato la firma di un contratto di affitto a lungo termine per mostrare i suoi film nella storica sala a pochi passi dal Plaza Hotel inaugurata nel 1948, presente al taglio del nastro Marlene Dietrich e che in agosto aveva chiuso i battenti, sembrava allora per sempre.
    L'uso dello schermo del Paris per mostrare dal 6 novembre il nuovo film di Noah Baumbach, "Marriage Story" (Storia di un matrimonio) con Adam Driver e Scarlett Johannson, non e' stato dunque una 'una tantum'. "Dopo 71 anni, la tradizione del Paris continua e il cinema resta la meta per una esperienza cinematografica unica nel suo genere", ha detto il capo del content di Netflix Ted Sarandos annunciando l'accordo che "preserva un'istituzione storica di New York e una casa per gli amanti del cinema".
    Il Paris ha alle spalle una storia importante: nato per mostrare soprattutto film stranieri, ha introdotto il pubblico americano ai capolavori di Roberto Rossellini, Federico Fellini, Pietro Germi e Franco Zeffirelli. L'accordo e' stato raggiunto con Sheldon Solow, un magnate del cemento proprietario, oltre che del Paris, di numerosi grattacieli a Manhattan. L'estate scorsa Solow non aveva rinnovato l'affitto a City Cinemas, la catena che aveva ereditato la gestione del Paris: il 'canto del cigno' era stato il documentario di Ron Howard su Luciano Pavarotti.
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie